Lazio-Juve: prezzo doppio al botteghino

Pubblicato il autore: Paola Toscani Segui

lazio juve

Una sfida attesa, con una sorpresa amara per i tifosi e la minaccia del tifo organizzato di disertare lo stadio: in occasione di Lazio-Juve, che andrà in scena all’Olimpico sabato 22 novembre, infatti, la società biancoceleste ha deciso di rivedere al rialzo il prezzo dei biglietti. E non è un ritocco da poco, ma un aumento che in alcuni casi supera il 100%. Quelli dei settori più popolari – curve e distinti – passano infatti dagli abituali 16 a 35 euro. E raddoppia anche il costo di tutti i tagliandi: tribuna d’onore (da 120 a 250 euro), Monte Mario (da 55 a 100 euro), Tevere (da 25 a 60 euro) alla Tevere Top (da 40 a 80 euro).

Esclusi anche gli abbonamenti cucciolone (la tariffa riservata ai ragazzi nati dopo il 1 gennaio 2000 al prezzo simbolico di un euro).
E non è certo il terzo posto in classifica a far digerire meglio gli aumenti ai tifosi, già sul piede di guerra.
Nei forum dedicati, scoppia la polemica: si lamenta soprattutto l’incremento del costo dell’ingresso in curva. Uno per tutti: “A quei prezzi dovrò rinunciare per la prima volta dopo anni. Complimenti”, si legge. Ma c’è anche chi difende la scelta societaria: “35 euro è un prezzo alto per noi, rapportato alle altre società di calcio italiane è nella media. Calcolando che ci saranno almeno 8.000 juventini tra settore ospiti-curva sud-monte Mario, l’incasso è bello che fatto”.
Pronta la risposta del club, arrivata per bocca del responsabile marketing, Marco Canigiani: “È chiaro quanto questa sia un’occasione particolare – dice a Lazio Style Radio -. Una situazione favorevole da sfruttare, data la classifica, dato anche l’alto numero di tifosi juventini a Roma che potrebbero acquistare il biglietto. Non c’è da nascondersi: c’è anche l’aspetto degli introiti da valutare. E Lazio-Juve è la partita con maggiori potenzialità, sotto questo punto di vista, anche superiori al derby”.
Il dirigente però rassicura i supporter laziali: “Se questa partita ha una differenza sostanziale di prezzo, in futuro riusciremo a compensare. D’altronde, durante il ‘Solo Amore Challenge’, avevamo abbassato i prezzi. In futuro ci saranno ovviamente altre agevolazioni”.
Non poteva mancare la risposta della tifoseria organizzata all’aumento dei prezzi dei biglietti per Lazio-Juve: abbandoniamo di nuovo l’Olimpico, è stata la minaccia. “Domani inizia la vendita dei biglietti, rivedete questi prezzi – il messaggio affidato a ‘La Voce della Nord’, su RadioSei -. Non è così tremendo accorgersi di un errore. Tante volte anche noi siamo tornati sui nostri passi per il bene della Lazio, tornate sui vostri passi per il bene dei laziali. Non è concepibile”. Il match di cartello potrebbe quindi essere disputato senza lo zoccolo duro del tifo biancoceleste che si rivolge direttamente al club: “Al momento non sappiamo se verremo allo stadio o no. Ce l’abbiamo messa tutta, abbiamo regalato biglietti ai laziali per farli tornare allo stadio. Ma così non si può. Avete allontanato le persone che non possono permetterselo. Dovete riconquistare i tifosi, così non lo state facendo e regalate metà stadio Olimpico agli juventini. C’è la concreta possibilità di disertare di nuovo lo stadio”.

  •   
  •  
  •  
  •