Palermo e Udinese si dividono la posta in palio

Pubblicato il autore: Mirko Valenti Segui

risultato palermo udinese 1 1

Finisce con un pareggio per 1 – 1 la sfida del Renzo Barbera tra Palermo ed Udinese. Un risultato che va sicuramente stretto agli uomini di Iachini che hanno creato molte più occasioni pericolose. Sfatato anche il tabù rigori, oggi il Palermo ha beneficiato di addirittura due tiri dal dischetto uno messo a segno da Dybala e uno sprecato malamente da Vazquez.

IL FILM DELLA PARTITA – Il Palermo sembra dimenticarsi che il fischio iniziale è alle 15 e per un buon quarto d’ora resta con la testa negli spogliatoi. La conseguenza è gravissima, Muriel al 5′ batte una punizione verso il centro dell’area Danilo la devia in porta ma Sorrentino riesce a respingerla, il più lesto a raccogliere il pallone vagante è Thereau che anticipa Munoz e insacca alle spalle di un Sorrentino ancora a terra.

L’Udinese è costretta a fare il primo cambio, Widmer prende una botta alla caviglia e lascia il campo a Pasquale, è il minuto 13.
Il Palermo adesso sembra essersi svegliato dal torpore che lo ha accompagnato per il primo quarto d’ora e prima Maresca e poi Barreto provano ad impensierire Karnezis, i loro tiri sono imprecisi e non centrano lo specchio della porta.

Il primo tempo sembra avviarsi stancamente alla fine ma al 42′ tutto cambia, Badu, già ammonito e reo anche di una simulazione in area del Palermo, stende in area di rigore Barreto l’arbitro fischia il primo rigore stagionale per i rosanero ma inspiegabilmente non ammonisce Badu lasciando così il giocatore friulano in campo. Sul dischetto si presenta Paulo Dybala che con freddezza infila alle spalle del portiere bianconero un missile a mezza altezza è 1 – 1!

Il secondo tempo comincia con gli stessi effettivi che hanno giocato la prima frazione e l’Udinese si presenta pericolosa al 52′ con Muriel che tira debolmente tra le braccia di Sorrentino il pallone che poteva significare il nuovo vantaggio per gli uomini di Stramaccioni. Il Palermo reagisce ed al 54′ trova un secondo calcio di rigore, stavolta è Guilherme a dare un ancata a Dybala, il quale non si presenta sul dischetto lasciando l’incombenza a Franco Vazquez. Il numero 20 rosanero si fa però ipnotizzare dal portiere dell’Udinese facendosi respingere il tiro dal dischetto e perdendo l’occasione di sorpassare i friulani.

A questo punto il Palermo sembra accusare il colpo e rischia grosso su un tiro di Bruno Fernandes che Sorrentino respinge con un miracolo di piede. Gli allenatori decidono di cambiare uomini e moduli, per l’Udinese entrano Kone al 59′ e Pinzi al 75′ per Bruno Fernandes ed uno spento Muriel. Iachini invece manda in campo Belotti per Bolzoni al 62′ e Vitiello per Pisano al 78′.

La partita la continua a dominare il Palermo con tante occasioni. Vazquez si fa ipnotizzare ancora una volta da Karnezis al 25′, Dybala manda la palla al lato prima di testa e poi con un tiro a giro prima di colpire anche il palo con un altro colpo di testa, l’ultima occasione capita a Maresca su punizione ma il portiere greco è in super giornata e toglie il pallone dall’incrocio dei pali.

Finisce così con un 1 – 1 che va strettissimo al Palermo che in classifica si porta a 13 punti restando così relativamente tranquillo sulla zona retrocessione mentre l’Udinese non coglie la ghiotta occasione di superare il Milan che ieri è stato fermato 2 -2 dalla Sampdoria.

  •   
  •  
  •  
  •