Serie B, Bari in crisi. Mangia a rischio esonero. I motivi del flop

Pubblicato il autore: Gerardo Fiorillo Segui

Devis Mangia

Doveva essere la corazzata della serie cadetta, ma è in crisi nera. A Bari non si danno pace. La squadra pugliese è la vera sorpresa negativa del campionato di B dopo 13 giornate e mister Mangia è finito nell’occhio del ciclone. La sconfitta con la Ternana ha certificato la crisi tecnica dei galletti, alla seconda sconfitta consecutiva e con un solo punto all’attivo (pari casalingo con il Pescara) nelle ultime quattro giornate. I 16 punti racimolati dal Bari (frutto di 4 vittorie, 4 pareggi e 5 sconfitte) rappresentano un magro bottino per una società che in estate ha condotto una campagna di rafforzamento importante e ora si trova a solo tre punti dalla zona playout. Molti imputano all’allenatore di Cernusco sul Naviglio l’incapacità di lavorare su un modulo predefinito con una squadra rinnovata nella sua struttura portante. Il pubblico ieri ha sonoramente fischiato la prestazione degli uomini di Mangia, colpiti a freddo dal gol del ternano Avenatti al 5′. Per 80 minuti la tifoseria ha incoraggiato la squadra, ma dinanzi alla scialba reazione del Bari, mai seriamente pericoloso nell’arco della partita, gli appassionati baresi hanno perso la pazienza subissando di fischi i propri beniamini. Appena una settimana fa il Bari era stato sconfitto 3-0 a Vercelli, una disfatta senza appello. E’ come se fosse stato depauperato – in soli tre mesi – quel patrimonio di entusiasmo che aveva scandito il finale della scorsa stagione. La ritrovata compattezza dell’ambiente con l’avvento di Paparesta e la chiusura dell’era Matarrese sembrano quasi uno sbiadito ricordo. Mister Mangia, a dir la verità, ha sperimentato finora vari accorgimenti tattici (dal 4-3-3 al 4-4-2 e annesse variazioni) per dare una scossa al gruppo, apparso tuttavia poco rigenerato nonostante il ritiro di Castel di Sangro. Ora la palla passa alla società, che ha ribadito la fiducia all’ex commissario tecnico dell’Under 21. Una fiducia a tempo, almeno secondo gli spifferi fuoriusciti dal vertice notturno dopo il tonfo con la Ternana tra il presidente Paparesta e il direttore sportivo Antonelli. Mangia resta sotto esame. Decisiva sarà la prossima gara, sabato alle 15, sul campo del fanalino di coda Crotone. Un ulteriore passo falso del Bari in terra calabrese non sarebbe tollerato da società e tifosi.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Inter, addio ad Eriksen: un club inglese prova l'affondo
Tags: