Torino, torna la maledizione derby: con Cairo mai vinto e mai segnato

Pubblicato il autore: Federico Sorrentino Segui

Il derby con la Juve, un vero incubo per il Torino di Urbano Cairo. Da quando l’editore ha rilevato il Toro, nove stagioni fa, i granata non hanno mai vinto un confronto con i cugini. Non solo, il Toro non é mai riuscito a segnare una rete in 8 partite disputate. Sono stati anni travagliati per le torinesi, scese una volta ciascuno in B per alterne vicende. Ma la Juventus ha fatto passi da gigante, allestendo una squadra scudetto capace di ripetersi negli anni, il Torino ha invece vivacchiato. I bianconeri hanno cambiato casa, i granata sono rimasti nel vecchio e caro Olimpico. Differenze che rimbombano in questo momento, con la Juventus cannibale e capolista – 31 punti conquistati sui 36 a disposizione, in piena corsa per la qualificazione in Champions League – e dall’altra parte il Torino in crisi, sconfitto in casa pure dal Sassuolo e in affanno nel girone di Europa League.

Cairo rileva il club dalla serie B nel 2005-2006. Il Torino trova subito la promozione in una storica finale playoff contro il Mantova decisa ai supplementari (3-1). I granata salgono in serie A ma Calciopoli stravolge il calcio italiano e la Juventus si ritrova a fare il percorso inverso dei cugini. Quindi niente confronto nel 2006-2007. Il primo derby della Mole dell’era Cairo arriva l’anno successivo, stagione 2007-2008, entrambe giocano allo Stadio Olimpico. Nella prima gara decide Trezeguet (0-1) ‘in trasferta’, con un gol dubbio per un’interpretazione contestatissima sulla sua posizione, non giudicata in fuorigioco. A ritorno uno scialbo 0-0 in casa dei bianconeri. L’anno dopo le cose vanno anche peggio. Si gioca sempre all’Olimpico e un doppio 1-0 condanna il Toro, infilzato da Amauri all’andata e da Chiellini a ritorno. E’ una stagione amara, i granata retrocedono e per tre anni nuoteranno nella melma della serie cadetta.

La stracittadina torna nel 2012-2013, in quei tre anni è cambiato il mondo della Torino calcistica. Il Toro è solo una matricola desiderosa di stabilizzarsi nel massimo campionato, la Juventus é già tornata ad essere la Signora d’Italia. I bianconeri ora giocano nella loro nuova casa e il battesimo granata allo Juventus Stadium è infernale: 3-0 con doppietta di Marchisio e gol di Giovinco. A ritorno la Juve bissa, 2-0 con gol di Vidal e ancora Marchisio. Il resto é storia recente. Nemmeno il Toro di Cerci e Immobile é riuscito a spezzare la maledizione che colpisce i granata sotto la Mole. Pure l’anno scorso la Juve ha fatto suo il doppio confronto, 1-0 in trasferta (Pogba) e 1-0 in casa (Tevez).

La maledizione derby non vuole quindi mollare il Toro, ormai ingabbiato in numeri negativi da libro dei record. Con Cairo presidente sono state giocate 8 stracittadine, 7 sconfitte e un pareggio per 0-0. Mai un gol segnato, 10 subiti, una serie di sei sconfitte di fila tuttora in piedi. Per tornare ad un gol segnato ai bianconeri bisogna risalire a quasi 13 anni fa, 24 febbraio 2002. A segnarlo è Cauet in Toro-Juve 2-2 (Trezeguet, Ferrante, Cauet, Maresca). Le due squadre saranno in campo già a metà settimana in Europa, ma è facile immaginare come le attenzioni dei tifosi siano già rivolte al derby della prossima giornata, nella speranza di vedere maggior equilibrio rispetto agli ultimi anni. Il Torino ha tradizionalmente pagato un gap nei confronti della Juventus, ma nel derby ogni differenza è stata sempre annullata. Negli ultimi anni invece non é più così e questo genera – se mai ce ne fosse stato bisogno – ulteriore attrito tra i tifosi granata e l’attuale presidenza.

  •   
  •  
  •  
  •