A Balotelli la vignetta razzista costa squalifica, multa e corso educativo

Pubblicato il autore: Danilo Montefiori Segui

balotelli supermario razzismo

Mario Balotelli non si è salvato. Il presunto post razzista pubblicato sul suo profilo Instagram non è piaciuto alla FA inglese che ha deciso di punirlo con una giornata di squalifica, una multa di 25 mila sterline, (circa 31.000 euro) e l’obbligo di frequentare un programma educativo. Il post in questione raffigurava Super Mario, il personaggio creato dalla Nintendo, con sopra la scritta “Non essere razzista: Sii come Mario, è un idraulico italiano, creato da giapponesi, parla inglese e somiglia a un messicano. Salta come un nero e raccoglie monete come un ebreo”. Per Balotelli, insomma, un’altra brutta notizia, sperava infatti si potesse evitare almeno la squalifica che invece è puntualmente arrivata. Glaciale il Liverpool, che in una nota ha spiegato come sul post razzista: “qualsiasi ulteriore azione da parte nostra a riguardo resta fra la società e il calciatore”.

Leggi anche:  Serie A, Atalanta in un momento difficile: tre gare solo 2 punti

Appresa la novità è arrivata subito la reazione della punta dei Reds che, tramite twitter, ha fatto sapere: “Non succederà più. Dopo i recenti avvenimenti legati al mio post la decisione della FA è che questo era sbagliato. Mi dispiace che miei compagni e i tifosi del Liverpool debbano essere penalizzati per qualcosa che ho fatto e me ne scuso. È mia intenzione rispettare totalmente la decisione della FA e assicuro che non accadrà mai più”. A nulla sono valse quindi le scuse che Balotelli aveva già fatto pubblicamente per la leggerezza del gesto, né la precisazione secondo cui “mia mamma è ebrea, quindi per favore tacete”, squalifica, multa e corso sono arrivate ugualmente. In carriera Mario Balotelli, classe ’90, ha vestito le maglie di Lumezzane, Inter, Manchester City, Milan e Liverpool oltre che quella della nazionale italiana in 33 occasioni, condite da 13 reti.

  •   
  •  
  •  
  •