De Laurentiis: “Non sono un piagnone”. Ecco tre volte che non se ne è ricordato

Pubblicato il autore: Lorenzo Bettoni Segui

de laurentiis piagnone sfuriate

Va bene che nel calcio quello che dici oggi non è più valido domani. Va bene che il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis abbia il compito di dover tirare su il morale della squadra, lontanissima in classifica da Juve e Roma; ma la dichiarazione rilasciata in esclusiva a Raffaele Auriemma: “Io non sono un piagnone per natura”, stride con le polemiche, neanche troppo lontane nel tempo, tirate su dal presidente del Napoli.
Ecco la top 3 delle sfuriate del presidente del Napoli.

3.”Il Napoli da fastidio” – 
è il commento del furioso de Laurentiis dopo Napoli-Brescia (0-0). A far arrabbiare il patron azzurro l’arbitro Mazzoleni, che non concede due rigori al Napoli ed espelle per proteste l’allora tecnico Mazzarri. Poco dopo De Laurentiis rincara la dose: “ Non esiste un disegno per non farci crescere, ma il Napoli è una realtà che dà fastidio e su questo non ci piove. Se il campionato lo debbono fare solo tre squadre, allora se lo facciano tra di loro. Noi giocheremo con le altre 17 e poi chi vince i rispettivi campionati darà vita ad uno spareggio. Sembra che qui esistano 17 cenerentole e 3 genoveffe.”

2. La scena del motorino è probabilmente la più famosa di De Laurentiis. Il 27 luglio del 2011 il presidente Del Napoli non se la prende con un arbitro, ma con tutto il resto della Lega. Quel giorno c’è la compilazione del calendario di Serie A ed il giorno prima De Laurentiis dichiara di aspettarsi che non ci siano scontri diretti in campionato, prima dei match europei. Questo ovviamente non accade, lui se le prende di brutto e lascia la sala al grido “siete delle m…, voglio tornare a fare cinema”, prima di farsi dare un passaggio in motorino da uno sconosciuto ed allontanarsi dagli studi televisivi dove si stava svolgendo la cerimonia.

1. Al primo posto delle sfuriate di De Laurentiis, c’è ancora di mezzo l’arbitro Mazzoleni. Esattamente un anno dopo la rabbia per la compilazione dei calendari, ecco quella per la sconfitta in Supercoppa. De Laurentiis e la squadra se la prendono con il direttore di gara per aver espulso Pandev e Zungia nel match di Supercoppa giocato a Pechino e person 4-2 contro la Juventus. In risposta De Laurentiis non presenta la squadra per la premiazione ed entra, con il club, in silenzio stampa.
Il presidente del Napoli sarà contento di sapere che ad arbitrare la Supercoppa, quest’anno, ci sarà Rizzoli

  •   
  •  
  •  
  •