Esclusiva, Nela: “Roma, l’eliminazione dalla Champions non sarà un vantaggio”

Pubblicato il autore: Francesco Pugliese Segui

sebino nela

Terzino di gran gamba e dal fisico statuario, Sebastiano Nela ha costruito la propria carriera nel segno della stima e della passione. Da soggetto di una canzone di Antonello Venditti, passando per lo pseudonimo di BigJim tanto caro alla tifoseria partenopea, Sebino è oggi un apprezzato commentatore per l’emittente Mediaset. Anche per questi motivi SuperNews ha avvicinato l’ex calciatore di Genoa, Roma e Napoli peraffrontare i principali temi del campionato italiano, ormai prossimo al giro di boa.

Sebino, come valuti il cammino in Champions delle italiane?

“Diciamo che c’è da essere contenti a metà. Se da una parte c’è grande soddisfazione per il passaggio del turno della Juve, dall’altra non si può nascondere l’amarezza per l’eliminazione patita dalla Roma. Un vero peccato visto l’impegno profuso dai giallorossi, che hanno comunque ben figurato in un girone molto difficile”.

Non credi che per la squadra di Garcia si possa parlare di passo falso?

“No, assolutamente. Ricordiamoci che il girone della Roma presentava due ostacoli di massimo spessore. Bayern e Manchester City sono due corazzate costruite nel corso degli anni per primeggiare in Europa. La Roma ha lottato fino alla fine per invertire i pronostici, ma non c’è da dannarsi. Ora bisogna alzarsi le maniche e affrontare con massima determinazione l’impegno nella seconda competizione europea”.

Cosa ti aspetti dalle cinque italiane impegnate in Europa League?

“In primis spero che si finisca di snobbare una competizione tanto prestigiosa. E’ una coppa e da quest’anno la vincitrice avrà accesso immediato alla prossima Champions. Credo che Roma e Napoli abbiano tutte le carte in regola per arrivare fino alla fine, ma mi aspetto tanto anche da Inter, Torino e Fiorentina. Bisogna onorare tutte le competizioni, soprattutto quando, come quest’anno, le pretendenti al titolo si dimostrano di grande spessore”.

Credi che l’uscita dalla Champions possa, per assurdo, riaprire le gerarchie della Serie A?

“La Juve rimane la squadra da battere. La Roma, investendo sul mercato in maniera attenta e massiccia, ha limato questo gap, ma i bianconeri sono ancora avanti. Non credo che l’eliminazione della Roma possa dare un vantaggio ai ragazzi di Garcia. C’è comunque l’impegno in Europa League e non credo, conoscendo l’allenatore francese, che ci saranno partite più importanti e partite di secondo livello”.

Una corsa a due o credi che possano inserirsi altre squadra per il trono del campionato?

“Beh il Napoli ha una rosa importante, ma bisogna lavorare sul gruppo e capire quali siano le motivazioni di questi cali di tensione clamorosi. E’ assurdo passare da grandi prestazioni come quella contro la Roma, a uscite deludenti come nel caso della partita con l’Empoli. Più che pensare al primato, c’è da stare attenti al terzo posto”.

Chi credi possa insediare le posizioni-Champions?

“Bella domanda. Detto del Napoli, le genovesi stanno facendo davvero bene e già nel prossimo turno proveranno ad impensierire Roma e Juve. Saranno due partite dal pronostico impossibile e che potrebbero essere decisive per tutto il campionato. Non dimentichiamoci, inoltre, di Mian, Inter e Fiorentina, anche se le ultime due dovranno fare i conti con il doppio impegno settimanale”.

Il big-match del prossimo turno sarà Milan-Napoli: ci dai il tuo pronostico?

“Partita da tripla. Il Milan gioca sul terreno amico e farà di tutto per fare lo sgambetto a una diretta concorrente per le zone importanti della classifica. Il Napoli, di contro, ha dimostrato di entrare in partita proprio con le squadre più blasonate e di sicuro sfrutterà la carica e il fascino della sfida a San Siro. Proprio per questo vedo gli azzurri leggermente avanti, ma non mi sbilancio oltremodo”.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: