Giappone, a 47 anni firma il rinnovo: Kazuyoshi Miura è il giocatore più anziano in attività

Pubblicato il autore: Giovanna Olita Segui

Miura rinnova a 47 anni

Continuerai a giocare il prossimo anno?“: questa è la domanda più frequente che viene fatta da qualche tempo a Totti, Toni e Di Natale al termine di ogni stagione. 38 anni il capitano giallorosso, 37 gli altri due goleador; nonostante i tre attaccanti continuino a giocare quasi tutte le partite di campionato, la soglia dei 40 si avvicina. Ma chi ha detto che c’è un’età giusta per smettere di giocare a calcio?
La risposta arriva dal Giappone. Kazuyoshi Miura, classe 1967 (lo stesso anno di nascita di Roberto Baggio), ha rinnovato il contratto per un altro anno con lo Yokohama Fc, una squadra del campionato di serie B giapponese. L’attaccante, che compirà 48 anni il 26 febbraio, è l’attuale giocatore professionsta più vecchio del mondo.
Miura esordì nel 1986 con il Santos in Brasile e dopo aver cambiato numerosi club arrivò in Serie A nel 1994 dove rimase per una stagione al Genoa, diventando il primo calciatore Giapponese ad aver giocato in Italia. Con i rossoblù ha fatto registrare 21 presenze e un gol contro la Sampdoria nel derby del 4 dicembre del 1994. Miura non detiene il record di giocatore più anziano della storia. Il primato infatti è di Stanley Matthews che terminò la sua carriera nello Stoke City nel 1965 a 50 anni.
Totti, Toni e Di Natale non sembrano aver intenzione di smettere, del resto per battere il record di giocatore più anziano dovrebbero giocare ancora 12/13 anni.

  •   
  •  
  •  
  •