Gioca sia in Israele che in Palestina, squalificato 99 anni!

Pubblicato il autore: Simone Lettieri Segui

 

bilal atef È quanto successo al nazionale palestinese (11 presenze) Atef Abu Bilal. Il centrocampista classe 1984 tesserato con una società di quinta serie israeliana, lo Segev Shalom,  è stato beccato mentre giocava a calcio anche con una squadra palestinese. E ai dirigenti della federazione israeliana, la sua furbata, non è piaciuta affatto. Immediata è partita l’indagine, e quando si è scoperto che il giocatore apparteneva effettivamente a due società di due nazioni diverse, è stato squalificato. Rischiava di essere radiato e in sostanza lo è stato. Oltre a pagare una multa di 200 euro, Bilal è stato interdetto dal gioco  per 99 anni. Il software non permetteva infatti una squalifica maggiore. Il palestinese potrà quindi tornare a giocare a 129 anni. E chissà che, per recuperare il tempo perso, Bilal non provi a farsi tesserare da 4 club diversi.

  •   
  •  
  •  
  •