Leeds di Cellino, l’ombra della Red Bull

Pubblicato il autore: Dario D'Auriente Segui

Dietro le pressioni della Football League ai danni di Cellino ci sarebbe la Red Bull, il colosso austriaco degli energy drink. L’azienda nata a Salisburgo sarebbe infatti intenzionata ad acquistare lo storico club inglese del Leeds United, attualmente di proprietà di Massimo Cellino, l’ex presidente del Cagliari, che lo ha acquistato soltanto pochi mesi (febbraio 2014), e che ora in Inghilterra è finito sotto la gogna mediatica per le sue note vicissitudini con la giustizia.

Già ad ottobre, la compagnia austriaca aveva proposto a Massimo Cellino 60 milioni di sterline, pari a circa 77 milioni di euro. Quest’ultimo ha prontamente rispedito l’offerta al mittente, dichiarando che il club non verrà ceduto per nessuna cifra e che lui è intenzionato ad esserne il proprietario per ancora molti anni. Pugno di ferro dunque tra l’italiano e Dietrich Mateschitz, fondatore della bevanda dei “tori”.

Leggi anche:  Napoli-Milan 1-3: i rossoneri espugnano il San Paolo. Doppietta di Ibra

Il magnate austriaco ha sempre prestato molta attenzione allo sport ed ora la Red Bull è presente in Formula 1, con la Red Bull Racing e la ScuderiaToro Rosso, nell’Hockey sul ghiaccio con la Red Bull Salisburgo e la Red Bull München e nel calcio con ben 5 club: New York Red BullsRed Bull SalisburgoRed Bull Brasil, Red Bull Ghana e Lipsia. Il Leeds sarebbe il suo ultimo capriccio, in un paese ancora poco esplorato dalla multinazionale austriaca.

Vedremo come andrà a finire, intanto Massimo Cellino, dopo la sentenza che lo ha visto colpevole di evasione fiscale in Italia,  è stato squalificato dalla Football League fino a marzo 2015. Inoltre dovrà presentare le dimissioni da presidente e non potrà svolgere alcuna mansione all’interno del club. L’imprenditore cagliaritano avrà tempo due settimane per procedere al ricorso.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: