Moratti e il perché ha lasciato l’Inter

Pubblicato il autore: TonyR Segui

Intervista Moratti

In un’intervista al Corriere della Sera, l’ex presidente dell’Inter Massimo Moratti esce allo scoperto e, oltre a parlare di Totti e Ronaldo, ha spiegato il perché della decisione di uscire dal Consiglio d’amministrazione dell’Inter“Il silenzio della dirigenza dopo le parole di Mazzarri non è stato bello. Ma sono amico di Thohir“.

L’episodio a cui fa riferimento Moratti, risale a quanto detto detto dall’ex tecnico Walter Mazzarri (Moratti? non ho tempo da perdere ndr) proprio sull’ex patron nerazzurro, che di fatto, confermano già quanto si vociferava al momento dell’accaduto: “con mio figlio e con Ghelfi abbiamo lasciato le cariche che avevamo perché si era creata una situazione non molto simpatica. Il silenzio della dirigenza dopo le parole di Mazzarri su di me non è stato bellissimo. Ma sono amico di Thohir e questo episodio non ha incrinato i nostri rapporti, che restano ottimi”. Un Moratti dunque toccato nell’orgoglio, che comunque ha concesso anche qualche battuta sulla sua gestione da presidente dell’Inter“Se ho speso troppo per l’Inter? Io ho sempre cercato di investire per tenere in alto il club, perché l’Inter è fatta per restare al vertice e perché Milano è una città esigente, carica di entusiasmo, forza di trascinamento e forza progettuale e sa offrire grandi opportunità a tutti”.

Infine, Massimo Moratti ha svelato un retroscena di mercato che coinvolge anche Francesco Totti“Ero a Roma con il presidente Sensi, nel 2007. Stavamo chiudendo per Chivu e gli buttai lì se per caso voleva cedere anche Totti – devi solo indicare la cifra. Ma lui, senza nemmeno pensarci un secondo mi disse – No. Totti resta qui, non lo cederò mai”. E sul fenomenoRonaldo è stato il miglior acquisto dei miei 18 anni di presidenza dell’Inter, perché ci ha aperto il mondo. Era fortissimo e irraggiungibile per velocità e talento e nessuna pensava che ce l’avremmo fatta, visto che era del Barcellona“. Ce la farà Thohir a regalare altri fenomeni al popolo interista, come abituati dall’ ex presidente Massimo Moratti?

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Inter, Lukaku: "Non siamo una grande squadra"