Mourinho: “A momenti Bojan mi ammazza”

Pubblicato il autore: Maurizio de Strobel Segui

mourinho

Mourinho: quanto manca al calcio italiano? Tanto, tantissimo, ci sarebbe bisogno di personaggi come lui per risollevare un movimento in discesa libera. L’eroe del triplete interista, ancora amatissimo dai tifosi nerazzurri che lo rivorrebbero sulla panchina dell’Inter, ogni volta che parla non è mai banale, al contrario di molti allenatori italiani che si limitano al “abbiamo giocato una buona partita, ma potevamo fare di più”. L’ultima prova Mourinho l’ha data nel corso della conferenza stampa in vista della partita di lunedì sera tra il suo Chelsea, capoclassifica in Premier League, e lo Stoke City di Bojan Krkic. Riferendosi proprio allo spagnolo, ex giocatore di Barcellona, Roma e Milan, Mourinho ha dichiarato: “È stato l’unico giocatore che mi ha quasi ucciso facendomi venire un infarto. Nei minuti finali di quella sfida Bojan segnò un gol favoloso ma era fuorigioco. E ho guardato dall’altra parte il guardalinee che diceva ‘fuorigioco’ ma era l’unico… A parte gli scherzi stiamo parlando di un giocatore molto pericoloso che si è adattato bene alla Premier League, cosa che non è mai facile per un attaccante”. Il riferimento di Mourinho è alla semifinale di ritorno di Champions League giocatasi in Spagna tra Barcellona ed Inter, vincitrice all’andata per 3 a 1. Il Barcellona era avanti per 1 a 0 e un gol l’avrebbe qualificata per la finale. Al minuto 92 Bojan mise la palla in rete, ma l’arbitro annullò, in realtà per un fallo di mano di Yaya Touré e non per un fuorigioco di Bojan. Partita finita, Inter in finale e grande sollievo per Mourinho, che adesso, a quattro anni di distanza, è tornato su quell’episodio. E chissà che nella partita di lunedì sera Bojan non gli giochi un brutto scherzo, magari al minuto 92…

  •   
  •  
  •  
  •