Pallone d’Oro: vince Neuer…per i colleghi e i social network

Pubblicato il autore: Luca De Iaco Segui

neuer pallone d'oro
Il 12 gennaio 2015 si decreterà a Zurigo il vincitore del quinto Pallone d’Oro FIFA, successore del vecchio Pallone d’Oro (vinto per l’ultima volta da Lionel Messi nel 2009) di France Football ora unitosi con il FIFA World Player of the Year.
Degli iniziali 23 candidati all’ambito premio l’Italia o meglio, la Serie A, è stata rappresentata dal solo Pogba mentre nessun calciatore italiano è stato nominato a differenza di altre realtà come la Germania, che conta ben sei nazionali candidati. Per quanto riguarda le squadre di club invece è il Bayern (una squadra tedesca,stranamente) il re incontrastato con addirittura sette calciatori in lista. Proprio del Bayern fa parte uno dei tre candidati finali al Pallone d’Oro FIFA: Manuel Neuer. Gli altri due candidati sono praticamente scontati, Lionel Messi e Cristiano Ronaldo.
La novità assoluta è rappresentata proprio dal portiere tedesco, reduce da un ottimo mondiale vinto con la sua nazionale e da prestazioni superbe con il Bayern Monaco: giocatore potente fisicamente, agile, riflessi da felino e una buona dose di coraggio, mostrata in più occasioni con dei rinvii attuati fuori area grazie ai suoi colpi di testa o a delle sue uscite provvidenziali sugli avversari.
La novità tuttavia non è dovuta alle abilità indiscusse di Neuer nè al fatto che sia un portiere a contendersi il premio contro due attaccanti fenomenali (basta ricordarsi del Pallone d’Oro del 2007 vinto da Cannavaro con Buffon al secondo posto); la novità consiste nel fatto che diversi uomini del calcio come Thomas Muller (“Che noia se vincesse Ronaldo,dovrebbe vincere Neuer”), il ct tedesco Loew (“Manuel meriterebbe questo premio”) e addirittura lo stesso Platini (“Dovrebbe vincere un tedesco”) “tifano” per il portierone tedesco.
Anche i social network sono tutti dalla parte dell’estremo difensore: gruppi su facebook, link che motivano il perchè dovrebbe vincere Neuer, foto, hashtag e quant’altro; insomma, in molti sperano che il vincitore quest’anno indossi un paio di guanti alle mani.

  •   
  •  
  •  
  •