Pallone d’oro, Zanetti: “Spero vinca Messi”

Pubblicato il autore: Leandro Bianco Segui

Zanetti Messi Pallone d'OroPer Javier Zanetti non ci sono dubbi. Il pallone d’oro 2015 spetta a Lionel Messi. Lui Messi lo conosce bene. Sono stati compagni di squadra nella nazionale argentina. Proprio con la maglia dell’Argentina Zanetti ha collezionato ben 145 presenze che hanno fatto di lui il giocatore con il maggior numero di presenze nella storia della Selección Albiceleste, riuscendo a battere nel novembre del 2007 il precedente record di Roberto Ayala di 115 partite giocate con la nazionale. “Spero che Messi vinca” – ha dichiarato l’ex capitano di Inter e Argentina nel corso di un’intervista realizzata da Fifa.com in collaborazione con Inter Channel – “è un vero grande. Non smette mai di sorprendere le persone: in qualsiasi momento è capace di improvvisare con un tocco di abilità o qualcosa di spettacolare che ti permette di vincere una partita. A mio parere, è il miglior giocatore del mondo”. Zanetti esclude che ci possa essere un difensore tra i possibili vincitori del Pallone d’Oro 2014. “I ragazzi che giocano a centrocampo e in attacco sono quelli che decidono i giochi” – ha aggiunto a tal proposito – “Detto questo, anche Philipp Lahm ha meritato importanti riconoscimenti”. Zanetti pensa quindi che sia improbabile che qualcuno dei suoi ex compagni di difesa possa replicare il successo ottenuto nel 2006 da Fabio Cannavaro, ultimo difensore ad oggi a vincere l’ambita onorificenza, che in quello stesso anno aveva vinto la Coppa del Mondo con la nazionale italiana. Quando gli viene chiesto se il portiere tedesco Manuel Neuer, candidato anche lui per il titolo di miglior giocatore del 2014, avesse meno possibilità di Messi e Cristiano Ronaldo di vincere il Pallone d’Oro, lui risponde: “Io non so come andrà a finire, perché stiamo parlando di tre grandi calciatori e sono tutti degni contendenti. Mi aspetto che il voto sia contestato molto ferocemente, e anche Neuer sicuramente merita di essere nel mix”.
Infine elogia anche Diego Simeone, allenatore dell’Atlètico Madrid e candidato a vincere il trofeo di miglior tecnico del 2014, che fu suo compagno di squadra sia con la maglia dell’Inter che con quella della nazionale argentina. Zanetti spiega che Simeone “è sempre stato un tecnico anche quando giocava. Penso abbia fatto abbastanza con l’Atletico per meritare il premio Fifa”. I vincitori di entrambi i titoli Fifa, scelti dai capitani e dai c.t. delle Nazionali nonché da una giuria internazionale di giornalisti selezionati da France Football, saranno proclamati nel corso di una cerimonia di premiazione, in programma al Palazzo dei Congressi di Zurigo il 12 gennaio 2015.

 

  •   
  •  
  •  
  •