Rafa Benitez: “Negli ultimi giorni ho avuto due offerte molto importanti, ma ho detto no per restare a Napoli”

Pubblicato il autore: Francesco Pugliese Segui

Benitez-conferenza-calendario-479x350

 

 

La SSC Napoli ha presentato oggi il calendario ufficiale del club azzurro. Giunto all’ottava edizione, l’almanacco partenopeo mantiene la nobile firma del fotografo Diego Santangelo e conferma l’esclusivo coinvolgimento dei calciatori e la partecipazione di mister Benitez, in grado di qualificare ulteriormente la strategia di brand extension della Società. Quest’anno il tema artistico è ispirato agli Dei e gli eroi dell’antica Grecia. I calciatori sono illustrati come divinità greche e paladini epici, in un contesto di storiche citazioni mitologiche che dalla nascita di Venere, toccano le sirene che ammaliarono Ulisse giungendo fino al labirinto del Minotauro.

Presenti alla conferenza stampa l’head of operations azzurro, Alessandro Formisano, Leonardo Massa, country manager per l’Italia di Msc Crociere e l’allenatore del Napoli, Rafa Benitez. Proprio il tecnico spagnolo ha avuto modo di descrivere la particolare esperienza come “modello” per gli scatti di Santangelo: ”Quando mi hanno chiesto di fare il calendario il mio primo pensiero e sempre quello sportivo; non volevo spendere troppo tempo e siamo stati accontentati. Il team che ha operato questo lavoro ha fatto tutto nel minor tempo possibile e con grandissima professionalità. E’ stato più semplice di quanto sembrasse e ringrazio tutti gli addetti ai lavori per aver fatto collimare con le nostre esigenze i loro lavori”. Rafa ha proseguito parlando del particolare momento della sua squadra: ”Una settimana siamo fantastici, la settimana dopo siamo da settimo posto. David Lopez non è nessuno, poi diventa importante. Adesso abbiamo perso contro il Milan, e se vinceremo due partite che succederà? Io resto tranquillo, se qualcuno capisce il messaggio bene, altrimenti continuerò per la mia strada. Analizzo cosa succede e cerco di trovare una soluzione. Vedremo alla fine dove saremo. Siamo a due punti dal terzo posto, ci mancano almeno dieci punti che abbiamo buttato per strada. Il calcio soprattutto qui cambia di settimana in settimana, ma non si può fare autodistruzione come accade costantemente in questa realtà”. Il tecnico spagnolo ha poi svelato un insospettabile retroscena:” Mi chiedono cosa sarà del mio futuro, che non firmo il rinnovo e cose affini, ma nessuno sa che negli ultimi giorni ho avuto due offerte molto importanti, con cifre al di sopra dell’attuale contratto che mi lega alla società partenopea, ma che sono state rispedite al mittente anche perché io sono un tesserato del Napoli e penso solo a fare il mio lavoro. Ho detto no per restare a Napoli”. Infine la chiosa sulle possibilità dei suoi ragazzi in merito alla stagione corrente:” Serve carattere e attenzione, tutti possono migliorare e devono lavorare per questo. “La squadra ha le qualità per arrivare al terzo posto e forse anche di più”.

  •   
  •  
  •  
  •