Terremoto Inter, Roberto Mancini pronto a lasciare

Pubblicato il autore: Francesco Meola Segui

E’ proprio vero: ‘al peggio non c’è mai fine’. Nessun detto potrebbe calzare meglio rispetto al momento attuale dell’Inter. Cambiata la società con il passaggio da Massimo Moratti a Erick Thohir, mandati via in pochi mesi la bellezza di due allenatori (Stramaccioni e Mazzarri) ed un direttore tecnico (Marco Branca),  la squadra nerazzurra continua nella sua discesa agli inferi dopo il Triplete del 2010. La scossa tanto sperata con l’arrivo di Roberto Mancini è durata infatti poco più di due settimane, con il pareggio nel derby a far emergere già i primi mugugni. Nulla di nuovo poi nel match contro la Roma, con l’Inter surclassata per 4-2 dalla stessa squadra brillantemente bloccata sul 2-2, appena una settimana dopo, dal non certo irresistibile Sassuolo.

Ma la goccia che ha fatto definitivamente traboccare il vaso è stata l’ennesima sconfitta stagionale, per altro tra le mura amiche del Meazza, contro l’Udinese dell’ex Stramaccioni. Uno stop maturato al termine di una gara modesta, dove soltanto nel primo tempo l’Inter aveva dato qualche flebile segnale di vita pur senza entusiasmare.

Con la zona retrocessione sempre più vicina ed un mercato che non dovrebbe portare a grossi sconvolgimenti se non in uscita (a proposito: è sempre più certa cessione di Icardi al Real), Roberto Mancini si sarebbe già pentito della scelta fatta appena qualche giorno addietro.

Il tecnico della rinascita nerazzurra dopo i disastri del ‘5 maggio’, avrebbe confidato ai suoi più stretti collaboratori di essere fortemente deluso dall’atteggiamento dei suoi giocatori, lasciando palesare che si attendeva un approccio completamente diverso da quello dimostrato in campo dalla maggioranza di questi ultimi.

Errori come quelli di Palacio e i continui sbandamenti della difesa, avrebbero mandato su tutte le furie il Mancio, al di là della sua capacità di mostrare in pubblico sempre un certo aplomb. E’ evidente che quanto fatto in allenamento non si riesce poi a riproporlo in campo ed il tecnico jesino sta forse prendendo atto che lì dove aveva fallito Mazzarri, ora come ora, molto probabilmente, fallirebbe chiunque.

Sulla scorta di queste considerazioni, sulle quali pesano anche l’assenza di una società in cui non si comprende ormai da tempo a chi spettino le decisioni che contano, Roberto Mancini starebbe pensando ad un addio al termine della stagione e non è da escludere che la società verrà messa a conoscenza di questa decisione già nei prossimi giorni.

La palla ora passa ad Erick Thohir, chiamato a far desistere il proprio allenatore da quella che potrebbe rappresentare l’ulteriore umiliazione di un club che, a soli quattro anni dalla conquista della Champions, è riuscito nell’improba impresa di distruggere quanto faticosamente costruito in oltre quindici anni di lavoro.

  •   
  •  
  •  
  •