Calcio, Ibra a Sportmediaset respinge la Roma: “Non tornerò in Italia”

Pubblicato il autore: Leandro Bianco Segui

L’attaccante svedese, senza mezzi termini, smentisce le voci sul suo possibile futuro in giallorosso: “I tifosi della Roma si devono mettere il cuore in pace”.

Nei giorni scorsi si era molto parlato della possibilità per Zlatan Ibrahimovic di tornare a giocare in Italia, in particolare con la maglia della Roma. Un’ipotesi che è stata avanzata dal quotidiano sportivo svedese “Aftonbladet, per mano della giornalista Jennifer Wegerup. Secondo alcune voci sarebbe stato lo stesso Ibra a rivelare alla giornalista svedese il suo desiderio di voler chiudere la propria carriera nel club giallorosso. L’attaccante del Paris-Saint Germain, intervistato da Sportmediaset alla fine dell’amichevole tra PsgInter a Marrakech, ha chiarito la propria posizione: “Se torno in Italia? No, no. Sto bene a Parigi, ho un altro anno di contratto e poi vediamo cosa succede. I tifosi della Roma si devono mettere il cuore in pace”. Poi lo svedese parla anche di Roberto Mancini, che ha potuto riabbracciare in occasione della sfida contro i nerazzurri: “Mi ha fatto piacere rivederlo, non lo vedevo da tanto tempo, dalla partita con il Parma. Abbiamo parlato un po’, sta bene. E’ tornato all’Inter. Spero che farà un buon lavoro e che l’Inter possa tornare sul livello di quando c’ero io. Mancini è l’uomo giusto per fare grandi cose”. Il calciatore quindi a Sportmediaset parla non solo di Mancini ma anche dell’Inter, di Moratti e del campionato italiano: “Ho un bel ricordo dell’Inter e di Moratti. Avevo una buona relazione con lui e spero che stia bene lui e la sua famiglia. Spero che l’Inter torni alla grande. La Serie A? Ci sono Juventus, Milan, Roma, Inter e Napoli, tutte grandi squadre. La Roma è stata sfortunata in Champions. Non penso che sia un campionato in calo. Ho avuto i sei anni più belli della mia carriera in Italia e sono sempre positivo. Secondo me la Juve è forte e può andare avanti in Champions”. Infine una battuta sulla sua condizione: “Spero di essere più forte oggi, sto cercando sempre di migliorare, anno dopo anno. Fino a che cresco, continuo a giocare. Quando arriverà il giorno in cui non cresco più, smetto”.

Quello tra Ibra e la Roma sembra un amore impossibile, almeno per ora. Evidentemente si è andati oltre con la fantasia e l’opinione di una giornalista è stata trasformata in una notizia reale. Purtroppo in tempo di mercato queste cose succedono spesso. E’ questo il bello del calciomercato. Ti fa sognare e sperare anche nell’impossibile, ti fa immaginare l’inimmaginabile, credere nell’incredibile. E quando tutto ciò diventa realtà l’euforia sale alle stelle, quando invece non lo diventa si rimane con l’amaro in bocca. Ed è quello che è successo ai tifosi della Roma, che adesso cercheranno di consolarsi con qualche altro arrivo.

  •   
  •  
  •  
  •