Coppa Italia, Milan Sassuolo 2-1: passano i rossoneri

Pubblicato il autore: Andrea Sicuro Segui

milan sassuolo

 

Il Milan batte il Sassuolo 2-1 nell’ottavo di finale in gara unica di Coppa Italia e si qualifica ai quarti dove incontrerà la vincente tra Torino e Lazio. Prestazione ancora poco convincente degli uomini di Inzaghi, che la spuntano solamente nel finale, ma ritrovano il successo dopo un mese dall’ultima volta (Milan- Napoli 2-0), anche se per recitare un ruolo da primattore dovranno ancora migliorare molto. Esordio da titolare per Alessio Cerci che illumina la scena con un assist, un palo colpito e tante belle giocate: che possa essere l’uomo in più in questa seconda parte di stagione lo dirà solamente il tempo. Sassolesi in versione rimaneggiata, senza Berardi e Zaza (che entrano solamente sul 2-1 quando tempo per rimediare la situazione c’é n’é poco), che comunque non sfigurano e anzi fanno soffrire i rossoneri fino alla fine e confermano di vivere  una stagione che li sta vedendo splendidi protagonisti in campionato.

Leggi anche:  Fiorentina, all-in su Piatek per gennaio

Inzaghi in attacco si affida al trio Cerci- Pazzini- El Shaarawy con Bonaventura che arretra in mediana al fianco di De Jong e Poli; Di Francesco risponde con Sansone- Floccari- Pavoletti, Chisbah in mezzo al campo a dirigere le operazioni di gioco con Missiroli e Brighi ai suoi lati. Inizio contratto per entrambe le squadre: i padroni di casa non riescono a imbastire una manovra decente, gli ospiti si adeguano. La gara si sblocca al 38′ con il gol di Pazzini che in girata insacca un traversone di Cerci dalla destra e batte Pomini. Il vantaggio galvanizza i rossoneri che subito colpiscono un palo con Cerci che di sinistro di controbalzo fa gridare al gol, urlo liberatorio però strozzato dal legno. Nella ripresa dopo un’occasione per parte arriva al 64′ il rigore per gli ospiti dopo un fallo di Zaza su Pavoletti: trasforma Sansone, l’unico titolare del tridente schierato da Di Francesco. A questo punto lo spettro dei supplementari si fa sentire, la paura attanaglia le gambe dei ventidue giocatori in campo. Esce Cerci (fin lì migliore in campo) ed entra MontolivoA scacciare le ansie rossonere ci pensa Nigel De Jong che a 4′ dalla fine raccoglie una respinta della traversa su un tiro di Poli dal limite dell’area piccola e da pochi metri sigla la rete del definitivo 2-1. Come nelle previsioni, ai quarti ci va il Milan ma quanta fatica!

  •   
  •  
  •  
  •