Goal line technology, Tavecchio conferma: “Partirà dalla prossima stagione”

Pubblicato il autore: Francesco Serrone Segui

Carlo Tavecchio all'assemblea Lega Nazionale Dilettanti LNDLe polemiche sui gol/non gol che si sono susseguite in questa stagione? Potrebbero essere le ultime. Il gruppo di lavoro costituito dal Consiglio Federale lo scorso 17 dicembre allo scopo di analizzare le modalità di utilizzo della goal line technology è infatti all’opera per risolvere una questione che si trascina senza costrutto da troppi anni nel mondo del pallone. Durante la riunione tenutasi questa mattina nella sede della Figc di Roma, alla quale hanno partecipato il direttore generale della Lega Serie A Marco Brunelli, il presidente della Lega Serie B Andrea Abodi, il Consigliere Federale Simone Perrotta in rappresentanza dell’AIC ed il Presidente dell’AIA Marcello Nicchi sono state individuate le linee guida per l’applicazione del sistema (nel rispetto dei parametri e delle direttive della FIFA). La conferma arriva dal presidente federale Carlo Tavecchio. “La riunione di questa mattina ha inaugurato un percorso che porterà nei tempi preventivati all’applicazione della tecnologia “del gol non gol” nel nostro Paese – ha dichiarato –  Sono convinto che il suo utilizzo, a partire dal prossimo campionato sia ineludibile“.  Solo negli ultimi due mesi si sono verificati due episodi molto controversi. Il primo il 6 dicembre 2014 durante la gara di serie B tra Bari e Carpi quando ne il direttore di gara ne il guardalinee convalidarono un gol ai padroni di casa nonostante il pallone avesse distintamente varcato la linea di porta prima della respinta del portiere. Il secondo esattamente un mese dopo, il 6 gennaio 2015, a Udine durante Udinese-Roma con il gol vittoria di Astori convalidato dall’arbitro nonostante dalle immagini non sia ancora stato possibile stabilire con certezza se la palla abbia superato o meno la linea. Entrambi i match sono terminati con la vittoria della formazione ospite per 1-0.

  •   
  •  
  •  
  •