Juventus, Allegri a Morata: “Sveglia!”

Pubblicato il autore: Maurizio de Strobel Segui

juventus morata

Cosa succede ad Alvaro Morata? Sta dando quello che la dirigenza si aspettava da lui dopo aver speso in estate 18 milioni per prelevarlo dal Real Madrid, dove era chiuso da due fuoriclasse come Benzema e Ronaldo? Probabilmente no, ma il ragazzo ha le sue giustificazioni. Quando è arrivato alla Juventus Morata si è infortunato il primo giorno di ritiro: fuori un mese e preparazione con i compagni completamente saltata. Poi l’abitudine a un nuovo calcio, a un nuovo modulo, a nuovi schemi, a un nuovo allenatore. E poi lo scarso impiego stagionale, non tanto per numero di partite giocate (18), quanto per i minuti: 575 tra campionato e Champions League. Probabilmente non gli hanno fatto bene neppure le parole di Tevez, che ha dichiarato in pubblico che preferisce giocare in coppia con Llorente piuttosto che con Morata. Ma Allegri si aspetta tanto dal giovane spagnolo, lo vede in allenamento tutti i giorni e sa che può dare molto di più. Sta lavorando con lui sia da un punto di vista psicologico, sia fisico, sia tattico, perché vuole che Morata sia pronto e risulti decisivo anche se entra in partita in corso a sostituire il connazionale Llorente. Voci provenienti da Vinovo, poi, dicono che per lui potrebbe addirittura esserci una maglia da titolare domenica sera al San Paolo contro il Napoli. Personalmente ci crediamo poco, ma è il segnale che Allegri lo stima ed è pronto a lanciarlo. Si aspetta che uno con il suo fisico e la sua tecnica faccia di più. Forse non lo ritiene ancora pronto al 100% ma sa che il suo momento sta arrivando: a quel punto starà a Morata dimostrare di meritarsi la fiducia di Allegri.
Juventus Morata: il momento sta arrivando
La Juventus, nonostante abbia il miglior attacco del campionato, nelle ultime partite ha segnato poco e pareggiato molto: uno come Morata, con la sua potenza e le sue progressioni, serve come il pane. Allegri non è uno stupido e lo sa benissimo, per questo ogni giorno pungola lo spagnolo, invitandolo a impegnarsi sempre di più, in attesa del momento giusto.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Lazio, Inzaghi in conferenza: "Squadra tosta, ma pensiamo a vincere"