Juventus: un 2014 da record e non solo..

Pubblicato il autore: Mattia Emili Segui

Juventus 2014 recordIn casa bianconera è stato un 2014 ricco di eventi: successi, record, ma anche amare delusioni e clamorosi cambiamenti. RECORD: La squadra torinese ha ottenuto 102 punti nella scorsa stagione sotto la guida di Antonio Conte, un record destinato a perdurare negli anni; 95 punti nell’anno solare, (ai 39 di questa stagione vanno aggiunti i 56 della scorsa ),altro record che batte quello  stabilito nel 2012 dai bianconeri(94 punti). Inoltre la Juventus si ritrova per il quarto anno consecutivo a festeggiare il Capodanno e a presentarsi allo “scontro della Befana” in testa alla classifica. SUCCESSI: Il 2014 ha portato allo Juventus Stadium il terzo scudetto consecutivo dell’era Conte, cosa che non accadeva dagli anni ’30 quando la “Signora” mise in fila 5 titoli nazionali. Decisive per la conquista del tricolore sono state le vittorie casalinghe: 19 su 19 stagionali, 17 nell’anno solare, tra cui, in evidenza, il doppio successo sulla Roma. In campo internazionale, nonostante qualche singhiozzo di troppo, la Juventus approda agli ottavi di finale della Champion’s League, obiettivo che le era sfuggito la scorsa stagione in quel tempestoso pomeriggio di Istanbul. DELUSIONI: La più recente risale a poco più di una settimana fa. A Doha infatti la Juventus si è vista sfilare dalle mani la Supercoppa Italiana dal Napoli, al termine di una serie interminabile di calci di rigore (l’ultimo dei quali sbagliato da Padoin), dopo che,con Higuain, i partenopei avevano riacciuffato i bianconeri per il rotto della cuffia nei supplementari. Non meno deludente il mancato accesso alla finale di Europa League che si disputava proprio a Torino. Dopo la vittoria per 2-1 nella gara di andata a Lisbona, il Benfica esce indenne dallo Juventus Stadium e con lo 0-0 conquista il pass per tornarvici.

Leggi anche:  Champions League, Juventus qualificata agli ottavi se... Ecco le combinazioni possibili

CAMBIAMENTI: Il 2014 per il mondo juventino significa anche cambiamento: durante il secondo giorno di ritiro pre-campionato, Antonio Conte dà l’annuncio shock: non sarà più l’allenatore della Juventus. Una situazione che si era ipotizzata a Maggio, quando l’attuale CT della Nazionale aveva fatto intendere che il suo ciclo era giunto al termine. Dopo il confronto con la Società, la decisione di rimanere, fino all’inaspettato colpo di scena. Le squadre hanno preso forma e i migliori allenatori si sono già accasati. Dalla lista di Agnelli e Marotta spunta il nome di Massimiliano Allegri, che in fretta e furia diventa il nuovo tecnico della Juve. A lui spetta l’onere e l’onore di guidare i pluricampioni d’Italia e di non far perdere la fame di vincere che ha contraddistinto i successi del suo predecessore. Per ora i risultati gli stanno dando ragione.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: