Liga, trionfo Valencia: al Mestalla il Real esce sconfitto 2-1

Pubblicato il autore: Nicola Iuzzolino Segui

valencia

Promo su promo di incoraggiamento alla squadra, entusiasmo che trasudava da tutti i tetti della città, un esercito di colori giallo, rosso e bianchi pronti a spingere i propri beniamini al successo.
Valencia – Real Madrid è stata tutto questo nell’arco dell’ultima settimana, un miscuglio di sentimenti estremi e attesa spasmodica che, a giudicare dal risultato finale ottenuto dai Torongues, deve aver influito in maniera rilevante sull’umore dei giocatori e loro la convinzione di poter battere i neolaureati campioni del mondo.

Subito sotto, dopo 15 minuti di gioco, per un rigore trasformato, manco a dirlo, dal solito Cristiano Ronaldo, gli uomini di Nuno hanno immediatamente tentato una reazione facendo affidamento, come del resto ha sempre fatto storia nel club valenzano, pure sui 50.000 cuori caldi del Mestalla, una cornice particolarmente coinvolta per questa sfida di inizio 2015.

Agganciati i galacticos, ad inizio ripresa, grazie alla rete di Barragan su assist di Gaya (subentrato nella prima frazione al posto dell’infortunato Piatti), i padroni di casa hanno intravisto, nel momento di confusione avversario dopo il gol, la possibilità di poter ribaltare clamorosamente il punteggio, e solo 10 minuti dopo l’1-1 degli Xotos è arrivata anche la rete del 2-1 finale timbrata di testa da Otamendi, che su corner al bacio di Parejo ha fatto valere tutti i propri centimetri impattando in anticipo la sfera.

Al delirio giallorosso Ancelotti tenta di rispondere rivoluzionando schieramento ed inserendo forze fresche in mezzo al campo (Khedira e Jesè), ma oltre alla palla gol nel finale capitata sulla testa di Isco, non produce situazioni pericolose il forcing dei madrileni.

Serie interrotta di record, dunque, per l’armata di Ronaldo&Co. e primato che rischia di scappare in virtù della sfida serale (alle 21:00) tra Barcellona e Real Sociedad. Per il Valencia delle grandi imprese e dei 50.000 del Mestalla, invece, quarto posto raggiunto davanti al Siviglia (+1) e distacco dal terzo piazzamento in campionato lontano solo 4 punti.

 

 

  •   
  •  
  •  
  •