Liverpool, Gerrard come Del Piero, un addio amaro

Pubblicato il autore: Ivana Notarangelo Segui

Gerrard - Liverpool... addio

Liverpool, Gerrard addioLiverpool, Gerrard presto lontani.. Il giocatore – bandiera dei Reds darà l’addio alla squadra della sua vita al termine della stagione e il paragone con la separazione tra Del Piero e la Juve viene subito in mente. Soprattutto per le modalità con cui si consumerà questo saluto. Gerrard prova a nascondere l’amarezza, ma dalle sue parole si evince tutta la delusione di chi si sente messo da parte: “Se l’estate scorsa il Liverpool mi avesse offerto un rinnovo del mio contratto, lo avrei firmato”. Probabilmente basta questa frase per sintetizzare lo stato d’animo di Gerrard, che racconta come è maturata questa futura separazione, seppur  non per sua scelta: “Mi ero appena ritirato dalla nazionale, dopo i Mondiali in Brasile, per concentrare tutti i miei sforzi sulle partite per il mio club, non sono più giovane ma ho avuto pochissimi infortuni negli ultimi due anni e mezzo, venivo da quello che considero un grande campionato”, però…. la proposta del rinnovo del contratto non è mai arrivata. A sorpresa, invece, per Gerrard è arrivata la consapevolezza di non appartenere più al progetto e la decisione del suo allenatore di utilizzarlo a mezzo servizio. Da qui la decisione di guardare ad un futuro lontano da Liverpool e dai tifosi che tanto lo amano: “Capisco Rodgers, ma a me piace giocare e non mi andava di finire in panchina”; così, al termine della stagione volerà negli Usa per giocare tra le fila dei Los Angeles Galaxy, dove ha intenzione di “vincere ancora”. Gerrard non prova rancore e conclude dicendo: “Non ho niente da rimproverare al Liverpool. Ci ho passato diciassette anni indimenticabili e pieni di soddisfazioni. E spero un giorno di tornarci”. Liverpool, Gerrard e la speranza di un ritorno. Proprio come Del Piero un giorno nella sua Juve.

  •   
  •  
  •  
  •