Ristrutturazione stadio San Paolo, accordo De Laurentiis-De Magistris?

Pubblicato il autore: Francesco Moscato Segui

Probabilmente il primo cittadino di Napoli, Luigi de Magistris, ed il Presidente azzurro, Aurelio De Laurentiis, avrebbero raggiunto un accordo, sulla ristrutturazione, ed ammodernamento dello stadio San Paolo, il più grande impianto sportivo della città, ma purtroppo con evidenti carenze sia sul lato organizzativo che tecnologiche ed inoltre di pulizia. Trapelano voci, dopo un incontro a Roma, tra i 2, che sia arrivato il momento di rendere lo stadio moderno ad appassionati sportivi, curiosi e perchè no, a calciatori, dirigenti e tecnici delle squadre che vi giocheranno al suo interno. L’accordo, prevede, la costruzione al suo interno, di negozi, market e musei, sulla storia del Napoli e della città, che potrebbero garantire qualche posto di lavoro in più; abbattimento del primo anello dello stadio, che è quasi sempre vacante, quando il Napoli gioca con squadre di medio-basso livello, via anche la pista d’atletica. Restringimento, ed avvicinamento, degli spalti, stadio più piccolo, ma ancora più caldo e passionale. Cosa penseranno i tifosi? Si sa, che quando c’è una gara di rilevanza internazionale, o per i primi posti per la classifica, i tagliandi terminano in pochi giorni, bisogna anche sapere come sarà la reazione dei supporters azzurri. Uno stadio all’inglese insomma. Più stretto, ma che garantisca, condizionamento psicologico alle squadre avversarie, e maggior sostegno al Napoli. Inoltre, si è vicini anche ad un accordo per quanto riguarda i concerti, ed avvenimenti extra-calcistici da proporre allo stadio.

  •   
  •  
  •  
  •