Russia, giocatore dell’Anzhi ucciso in un agguato. Aveva 20 anni

Pubblicato il autore: Giovanna Olita Segui

gasan

Agguato mortale a colpi di mitragliatrice per Gasan Magomedov, centrocampista ventenne dell’Anzhi, la squadra russa nella quale ha giocato – dal 2011 al 2013 – Samuel Eto’o. Il giovane era a bordo di un’auto vicino a casa sua in un villaggio del nord del Caucaso, quando è stato raggiunto da una raffica di proiettili sparata da un’arma automatica. Gasan giocava nella squadra giovanile ed era riserva della formazione principale dell’Anzhi.
Il giovane calciatore, che avrebbe compiuto 21 anni il 17 gennaio, è stato immediatamente soccorso, ma le sue condizioni erano gravissime ed è morto prima ancora di arrivare in ospedale. La notizia è stata resa nota con un comunicato dall’Anzhi, che ha anche fatto sapere che non è ancora stato trovato il colpevole del delitto e che non sono ancora chiare le motivazioni dell’agguato. Nel comunicato anche le parole del direttore generale dell’Anzhi Sergey Korablev che ha espresso le sue condoglianze alla famiglia e il dolore per l’omicidio del giovane calciatore.

  •   
  •  
  •  
  •