Coppa Italia Napoli- Inter, le parole di Mancini: “L’atteggiamento è da big”

Pubblicato il autore: Andrea Sicuro Segui

Mancini e mercato inter

Vigilia di Napoli- Inter, match valevole per i quarti di finale di Coppa Italia: si gioca in gara unica al San Paolo e la posta in palio è di quelle importanti; i nerazzurri si giocano una fetta consistente delle proprie possibilità di andare in Europa, visto il ritardo accumulato in campionato dopo le ultime due sconfitte consecutive contro Torino e Sassuolo. L’impegno non è però dei più semplici, contro i partenopei reduci da tre successi di fila. Il tecnico Roberto Mancini affida alla stampa il suo pensiero pre partita: “Sarà una sfida difficile perchè il Napoli è in grande forma ed è una squadra molto forte. Però, trattandosi di una partita secca, potremo giocarcela – spiega il Mancio –  Per noi tutte le partite sono importanti: domani può succedere di tutto e non conta il gap che si è creato in campionato. Teniamo a questa coppa e vogliamo fare bene”.

Leggi anche:  Corrado Ferlaino risponde a Cabrini: "Pessotto? Al Napoli non sarebbe mai successo"

Il momento non è dei più semplici: il durissimo tonfo di Reggio Emilia ha lasciato il segno, anche per la coda polemica legata alla lite di Icardi coi tifosi. “Sono dispiaciuto per il risultato, vorrei vincere tutte le partite ma non posso abbattermi- commenta l’allenatore jesino – i ragazzi devono avere un atteggiamento da grande squadra e lo stanno avendo, poi è chiaro che al momento commettiamo troppi errori. Ma i giocatori stanno mettendo tutto in campo e devono continuare così. Anche domenica abbiamo reagito e siamo stati sfortunati in diverse occasioni, dobbiamo solo evitare di commettere certi errori. Siamo tutti dispiaciuti per come sono andate le ultime gare e capisco l’amarezza dei tifosi” . Su Icardi (che verrà multato) dice: “Ha sbagliato perchè le contestazioni vanno accettate. Gli ho detto che non sarebbe dovuto andare sotto la curva, perchè è normale che fossimo tutti arrabbiati. Comunque i tifosi dell’Inter sono sempre stati vicini alla squadra e lo faranno anche in futuro. Sono il primo a non voler perdere neanche le partitine. Immaginavo ci sarebbero state delle difficoltà cambiando sistema di gioco e mentalità dopo due anni, ma sono contento per quello che sta facendo la squadra. Dobbiamo invertire la tendenza, facendo più gol e cercando di non subirne“. Alla domanda se è soddisfatto o no del mercato fatto e sui rapporti interni al club, taglia corto: “La società mi aiuta, lavoriamo insieme e io non ho nessun tipo di problema. Thohir ha fatto di tutto per aiutarci. Adesso è finito il mercato e dobbiamo ripartire dalle cose positive che abbiamo. Capisco che è difficile ma i ragazzi ce la stanno mettendo tutta. Mercato finito? Sì, non credo che uno svincolato oggi possa cambiare la nostra rosa o darci qualcosa in più. Lista Uefa? Ho già preso le mie decisioni ma voglio comunicarle prima ai ragazzi”.

Leggi anche:  Serie A, Atalanta in un momento difficile: tre gare solo 2 punti

Sulla partita: “Giochiamo ogni tre giorni quindi inevitabilmente ci sarà qualche cambio per inserire dei giocatori freschi. Sicuramente, se schieriamo quattro giocatori offensivi dobbiamo aiutarci tutti, ma il nostro obiettivo è creare una mentalità vincente, giocando alti. Potremo modificare qualcosa ma il nostro atteggiamento non deve cambiare”.  Infine la discussione scivola sui singoli: “Brozovic titolare? E’ probabile. Kovacic? Da lui pretendo molto. Siccome ha grandi qualità, può essere determinante per noi. Ci sta che abbia dei momenti di difficoltà ma penso sia normale in questo periodo. Hernanes? Non ha giocato nelle ultime due partite ma ci sarà utile. Nagatomo? Sta bene. Santon? Ha bisogno di allenarsi per ritrovare i novanta minuti ma è a posto e domani verrà a Napoli con noi. Puscas? Potrà esserci utile perchè ha delle qualità”.

  •   
  •  
  •  
  •