Marco Martinelli: il giovane Ljajić italiano

Pubblicato il autore: Maurizio de Strobel Segui

marco martinelli

Marco Martinelli: segnatevi questo nome, presto ne sentirete parlare ancora. Giovane attaccante romano, classe 2000, gioca nel Campionato Regionale Giovanissimi. Mancino naturale, dotato di buoni tempi di gioco, nasce come esterno, ma si trova a suo agio in qualsiasi ruolo gli richieda l’allenatore. Abile nei calci piazzati e con uno spiccato fiuto del gol, Martinelli rappresenta sicuramente uno dei giovani classe 2000 italiani più promettenti. Passato per motivi logistici dal Sansa FC all’Acquacetosa, società affiliata all’AS Roma, si è presto guadagnato una maglia da titolare, grazie alla sua versatilità e ad un’intelligenza tattica difficile da trovare in un giocatore così acerbo. In una squadra di media classifica, allenata da mister Quadrini, ex calciatore della Roma, sa illuminare la scena con espedienti tecnici, perdendosi però a volte nei tatticismi. Marco Martinelli è un giocatore alla Adem Ljajić, per capirci, e proprio questo è il suo soprannome in campo. Inutile dire, a questo punto, che Marco fa il tifo per la #ASRoma e che oggi il suo cuore batterà forte per #CagliariRoma. La caratteristica del giovane calciatore è di fare grandi giocate in maniera naturale, le cose difficili sembrano realizzate con facilità. Nelle partite di campionato si vede spesso il suo vero talento: il ragazzo aspetta una frazione di secondo in più per eseguire la giocata, ciò per ritardare la giocata stessa e portare a segno un assist per un compagno con i tempi giusti. Gioca per la squadra (da lui partono infatti la maggior parte degli assist che portano ai gol), forse addirittura in maniera eccessivamente generosa, anche perché perde la possibilità di segnare lui stesso. Si attende ancora il gol in campionato, mentre in allenamento regala perle di grande spessore, da giocatore formato.
Oltre alla qualità tecnica, calcia bene e indirizza ottimamente il pallone. Sa dettare il gioco con i tempi giusti, spiazzando anche gli avversari. Marco Martinelli è un giovane di grande prospettiva proprio perché, oltre a una tecnica di base eccellente, possiede la naturalezza del gioco, sa individuare il tempo giusto per passare la palla ai compagni, e, non ultimo, fa tutto questo con apparente facilità. Allora, avete segnato il nome di Marco Martinelli?

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Inter, Eriksen a un passo dall'addio? Una big italiana è pronta ad accoglierlo a un prezzo 'scontato'...