Parma, giornata di riunioni a Collecchio. Lucarelli: “è il momento dei fatti”

Pubblicato il autore: Danilo Montefiori Segui

lucarelli

Ancora 24 ore di sofferenza in casa Parma. Al centro sportivo di Collecchio è prevista la riunione dell’assemblea dei soci mentre i giocatori e tutto lo staff sono ancora in attesa dei pagamenti che il Presidente Manenti aveva garantito sarebbero arrivati. Ma al Centro Sportivo oggi sono presenti anche emissari della Figc e Damiano Tommasi – che si è palesato in compagnia di alcuni rappresentanti dell’Aic – oltre al sindaco di Parma Pizzarotti. La cronologia degli avvenimenti racconta di un termine dato dai giocatori a domenica scorso, giornata passata senza novità se non quella di una proroga concessa; proroga che sembra nuovamente sul punto di scadere. Sull’intera questione è intervenuto il capitano del Parma, Alessandro Lucarelli: “Ieri abbiamo parlato con il presidente Manenti, ci ha spiegato che i soldi ci sono ma è un problema farli arrivare. Avevamo dato una scadenza, è arrivato il momento dei fatti. Stiamo perdendo la pazienza, adesso dobbiamo muoverci da squadra“.

A intricare ancora di più la querelle, come riportato dall’edizione online della Gazzetta dello Sport, ci sarebbe l’apertur da parte della Procura di Parma di un nuovo fascicolo d’indagine per una presunta firma falsa su un documento. Al momento non risultano esserci indagati per questo filojne che va ad affincarsi a quello per il fallimento dei ducali. Inoltre, bisogna ricordare che tra 48 ore sarebbe previsto il match interno di campionato con l’Udinese, a rischio a causa delle casse vuote della società. Tuttavia è lo stesso Lucarelli a gettare acqua sul fuoco: “Si è parlato di partita a rischio, mi viene da ridere. Ora c’è da capire se la Figc tiene al Parma o alla regolarità del campionato“. Sullo sfondo, comunque, rimangono due le ipotesi: giocare a porte chiuse o rinviare la partita.

  •   
  •  
  •  
  •