Challenger Torino: Cecchinato e Naso ai quarti, fuori Sonego e Napolitano

Pubblicato il autore: Dario D'Auriente Segui

Proseguono gli incontri al torneo challenger di Torino (42.500 euro di montepremi + H). Negli incontri validi per gli ottavi di finale brillano le stelle azzurre di Cecchinato e Naso, mentre vanno fuori, ma non senza note di merito, Sonego e Napolitano.

Cecchinato

Cecchinato ai quarti del torneo challenger di Torino

Cecchinato, n. 8 del seeding, si è imposto nel primo pomeriggio su Stefano Napolitano nel derby italico in Piemonte. Il siciliano, classe 1992, ha avuto bisogno però del terzo set per avere la meglio del classe 1995, che alla fine si è arreso per 6-2 6-7 (5) 6-2 in 2 ore e 24 minuti di partita. Il numero 150 delle classifiche Atp alla fine ha fatto valere la sua maggior esperienza e la sua maggior propensione a giocare match importanti in un impianto quasi al completo. Il pubblico ha patteggiato per entrambi gli azzurri, con Napolitano che non ha finalizzato nei momenti chiave, e così alla fine gli spettatori hanno applaudito Cecchinato, che domani, ai quarti, sfiderà l’olandese Huta Galung, classe 1985 e n. 242 Atp, che praticamente in contemporanea ha estromesso dal torneo la testa di serie n. 1, il tunisino Jaziri.

Molto bene a Torino l’altro siciliano, Gianluca Naso, che opposto al britannico Bedene, n. 2 del seeding e 91 delle classifiche mondiali, da qualificato, ha fatto valere il suo grande stato di forma, conquistando i quarti con una partita eccezionale, testimoniata dal 7-6 (6) 6-4 contro il favorito avversario. Per Naso ora ai quarti match non proibitivo, ma sempre duro, contro il rumeno Ungur (197 Atp), esperto dei tornei challenger e avversario da prendere con le molle.

challenger torino

Sonego perde ma non demerito a Torino

Perde, ma senza demeritare, Lorenzo Sonego. Il torinese, padrone di casa sui campi del Monviso Tennis Club, si è arreso dopo una gran partita al più quotato Kimmer Coppejans, testa di serie n. 4 del torneo. Sonego si è reso però protagonista di un match davvero entusiasmante. In vantaggio di un set, alla fine ha però subito la rimonta del n. 123 delle classifiche Atp, che si è imposto con lo score finale di 6-7 (5) 6-2 6-4. Stanco e spompato alla fine il piemontese, che nel terzo parziale non è riuscito a sfruttare un vantaggio di 3-0. Peccato, ma per la wild card di Torino resta un grande torneo.

Domani intanto si torna in campo per i quarti di finale. Si comincia, sul centrale, ore 13.00, con Marco Cecchinato (8) opposto a Huta Galung. A seguire Hamou-Karantsev e a conclusione del programma, Naso contro Ungur. Sul campo 14 l’altro quarto, tra l’inglese Edmund e il belga Coppejans.

  •   
  •  
  •  
  •