Dimenticare Cesena e ripartire verso Napoli

Pubblicato il autore: Roberto Minichiello Segui

dimenticare Cesena

La Sampdoria torna ad allenarsi dopo due giorni di riposo, obiettivo: dimenticare Cesena e ripartire. Tutti a disposizione sul campo principale “Mugnaini” di Bogliasco, dove Sinisa Mihajlovic ha fatto sostenere ai ragazzi una seduta di allenamento. Cacciatore è rientrato in gruppo, svolgendo parte dell’allenamento, mentre De Vitis lavora ancora a parte secondo il suo iter riabilitativo.

Nessun squalificato per la partita che la Samp affronterà domenica sera alle 20:45 allo stadio San Paolo di Napoli, contro i partenopei, che vedranno nelle loro file l’assenza dell’ex Maggio. Sarà una sfida importante per i doriani, soprattutto per il proseguimento dell’obiettivo Europa: grazie anche alla sconfitta della Fiorentina, la Samp rimane al quinto posto.

Bisogna dimenticare il pareggio interno con il Cesena e ripartire pensando di potercela fare anche contro il Napoli. Eder ha parlato ai microfoni del canale ufficiale blucerchiato, SampTv, facendo riferimento alla partita di sabato, pareggiata senza reti contro il Cesena. “Bisogna ripartire dalla prestazione e andare a Napoli per fare gol.”

Leggi anche:  Juventus a sostegno dei propri dipendenti: "Attivata la Banca Ferie Solidali"

Ovvero ciò che è mancato alla squadra sabato:  “Abbiamo provato a vincere – ricorda il numero 23 – Se riesci a sbloccare partite così poi magari vinci 3-0, ma non siamo stati fortunati e alla fine abbiamo rischiato di prendere gol sui loro contropiedi. Per fortuna su Defrel è stato bravo Obiang: potevamo perdere come è accaduto alla Fiorentina, quindi siamo comunque contenti per il punto.” La sconfitta della Fiorentina è stata un piccolo colpo di fortuna, quello che è mancato in fondo alla compagine di Mihajlovic.

Ora si pensa già al Napoli. “Sarà una partita difficile, – continua Eder –  loro stanno facendo un grande campionato, ma come abbiamo vinto a Roma potremmo farlo al “San Paolo”. Benítez ha uno degli attacchi più forti della Serie A, ma noi siamo bravi nelle ripartenze. Gabbiadini? Insieme abbiamo fatto buone cose e siamo felici che sia andato a Napoli, ma spero che domenica non segni.”

Leggi anche:  Pasalic, un periodo "no" da mediano. La differenza si vede sulla trequarti

 

  •   
  •  
  •  
  •