Udinese-Inter 1-2. Podolski decisivo, ma i nerazzurri soffrono troppo

Pubblicato il autore: Andrea Chiavacci Segui

udinese inter formazioni

L’Inter vince per 2-1 al Friuli di Udine una gara ricca di emozioni. Udinese furibonda con Rocchi per le espulsioni di Domizzi e Badu e il rigore concesso a Kovacic e trasformato da Icardi, nuovo capocannoniere del torneo. Dopo il pari di Di Natale decide Lukas Podolski partito dalla panchina. Nel finale troppa sofferenza per i nerazzurri che hanno rischiato di non portare a casa la vittoria. L’Inter torna momentaneamente da sola al settimo posto con 48 punti e adesso crede nella qualificazione in Europa League.

Mancini rispetto all’undici che ha sconfitto la Roma inserisce Santon e Felipe  in difesa al posto degli squalificati Juan Jesus e Ranocchia. A centrocampo Kovacic e Medel prendono il posto di Brozovic e Gnoukouri mentre la fase offensiva è confermata in blocco con Hernanes alle spalle di  Icardi e Palacio. Andrea Stramaccioni si schiera a specchio con il consueto 4-3-1-2 ma cambia solo una pedina rispetto alla formazione che ha dominato il Milan. Torna così titolare Thereau al posto di Geijo e al fianco di Antonio Di Natale.

Parte meglio l’Inter.  Al 9′ Kernezis blocca una conclusione da lontano di Guarin. Inter pericolosa al 15′ con una punizione di Hernanes con Kernezis che vola a togliere dall’incrocio dei pali. Al 19′ Guarin è il primo ammonito dell’Inter e pareggia il giallo comminato da Rocchi a Pinzi. Al 21′ Vidic chiude in angolo su Guilherme evitando una potenziale occasione per i bianconeri. Dalla bandierina Di Natale prova a sorprendere Handanovic che respinge con i pugni. Al 25′ grande accelerazione di Kovacic ma Widmer lo contrasta in angolo. Rocchi prima concede il corner, poi ci ripensa su segnalazione dell’assistente ma ammonisce Domizzi per proteste eccessive. Al 30′ ci prova di testa Hernanes su cross di Palacio da destra ma schiaccia troppo la sfera e Kernezis para senza troppa fatica. Vidic e Thereau si fanno male in uno scontro aereo ed entrambe le squadre restano per qualche minuto in 10 con i due giocatori che devono ricorrere alle cure mediche. Al 40′ la prima svolta alla gara: Hernanes scatenato va via a Domizzi sulla trequarti, l’ex Napoli lo stende e si becca il secondo giallo. Udinese in 10. Icardi  va vicino al gol sfiorando il palo al 43′ , poi il solito Hernanes al 46′ calcia colpo sicuro ma Kernezis stavolta si salva di piede. Intanto Stramaccioni è corso ai ripari inserendo l’ex Pasquale al posto del trequartista Guilherme.

La ripresa si apre con un rigore in favore dell’Inter per l’atterramento di Danilo su Kovacic che aveva già calciato fuori appena dentro l’area. Protestano i bianconeri e Kernezis viene ammonito. Icardi con il destro non da scampo al forte portiere greco e sblocca l’incontro al 48′. Per l’attaccante nerazzurro rete numero 18 in campionato e aggancio a Tevez in testa alla classifica cannonieri. Il vantaggio dura appena due minuti visto che Di Natale batte Handanovic dopo aver saltato Vidic su assist di Allan. Per Di Natale rete numero 205 in serie A, come Roberto Baggio,  l’ottava all’Inter. Non c’è sosta e dopo un giallo a Widmer c’è Kovacic che sfiora il palo alla destra di Kernezis. Il portiere friulano è provvidenziale al 55′ volando alla propria destra su una gran botta di Guarin. Al 59′ Pasquale buca un pallone in attacco e l’Inter parte in contropiede finalizzato da Guarin per Palacio che cerca il gol di tacco ma Kernezis blocca sulla linea. Badu protesta  ripetutamente con Rocchi per uno sgambetto subito da Hernaes sull’avvio dell’azione. L’arbitro prima estrae il giallo, poi Badu insiste e si becca il rosso. Udinese in 9. A questo punto Stramaccioni è costretto a togliere anche Di Natale per inserire Kone. Mancini manda in campo Podolski al posto di Guarin e, al secondo pallone toccato, il tedesco riporta in vantaggio l’Inter al 65′ riprendendo una corta respinta della difesa calciando un sinistro imparabile anche per Karnezis.  Avanti di un gol e con due uomini in più l’Inter va vicina anche al tris sempre con Podolski, ammonito anche lui per proteste,e il solito Hernanes che al 74′ sfiora il palo. Nonostante la doppia inferiorità numerica l’Udinese resta in partita e ribatte come può i nerazzurri che iniziano ad avere il braccino corto. Al minuto 85 Allan semina il panico e serve in area Thereau, Handanovic esce tempestivamente e toglie il pallone dai piedi del francese. Stramaccioni capisce che può giocarsi il tutto per tutto e toglie proprio Pasquale per l’attaccante Perica. Al 93′  D’Ambrosio salva provvidenzialmente su un colpo di testa del nuovo entrato Perica su cross del solito Allan, migliore in campo. L’Udinese  sfiora di nuovo il gol sul seguente corner dove Handanovic va a vuoto ma nessuno è pronto a metter dentro. Finisce così con l’Inter che centra la seconda vittoria di fila, ma che fatica. Adesso però i nerazzurri tornano a sognare l’Europa.  

TABELLINO

UDINESE 1

INTER 2

UDINESE (4-3-1-2): Kernezis; Widmer, Danilo, Domizzi, Piris; Allan, Pinzi, Badu; Guilherme (44′ Pasquale; 87′ Perica); Thereau, Di Natale (61′ Kone). A disposizione: Scuffet, Meret, Fernandes, Zapata, Brubnijc, Hallberg, Gabriel Silva, Geijo, Aguirre. Allenatore: Stramaccioni.

INTER (4-3-1-2): Handanovic; Santon, Felipe, Vidic, D’Ambrosio; Kovacic, Medel, Guarin (64′ Podolski); Hernanes (89′ Gnoukouri); Palacio, Icardi. A disposizione: Carrizo, Obi, Sciacca, Puscas, Donkor, Nagatomo, Brozovic, Shaqiri, Di Marco, Bonazzoli. Allenatore: Stramaccioni.

Arbitro: Rocchi di Firenze. Assistenti: Padovan-Barbirati.

RETI: 48′ Icardi su rigore, 50′ Di Natale, 65′ Podolski.

NOTE: Spettatori:10.000 circa. Espulsi: 40′ Domizzi, 59′ Badu. Ammoniti: Pinzi, Guarin, Domizzi, Kernezis, Widmer, Badu, Podolski, Palacio.  Recupero: 2′ e 4′.

  •   
  •  
  •  
  •