Mr Bee e Berlusconi: incontro decisivo a Milano. Oggi si chiude

Pubblicato il autore: Redazione Segui

mr bee e berlusconi

Tutti aspettavano un incontro tra Mr Bee e Berlusconi questa mattina ad Arcore, ma il broker thailandese, invece, è rimasto nel suo albergo a Milano. E, alle 10.30, è stato Berlusconi a muoversi dalla sua villa di Arcore per andare a Milano ad incontrare Mr Bee. Un piccolo cambio di programma che però non avrà effetti sulla sostanza dell’affare: oggi è il giorno della cessione del Milan, la cui quota di maggioranza del 51% passerà da Silvio Berlusconi a Mr Bee. Sembra che il Van di Bee Taechaubol sia già stato caricato con i bagagli del tycoon thailandese, che in giornata, quindi, dovrebbe far ritorno in patria. Nel corso del pomeriggio/sera, quindi, è atteso il grande annuncio ufficiale: il 51% delle quote del Milan sarà di Mr. Bee Taechaubol. Bisogna sempre andare un po’ cauti su questa notizia, perché nulla può ancora considerarsi ufficiale, ma da entrambe le parti filtra cauto ottimismo. Ancora non sono stati resi noti i termini dell’accordo tra Mr Bee e Berlusconi, ma sembra che il magnate thailandese verserà al presidente del Milan una cifra che dovrebbe aggirarsi attorno ai 500/550 milioni di euro. Quello che ancora non è per nulla chiaro, invece, è il nuovo aspetto societario del Milan: Mr Bee e Berlusconi proprio di questo avrebbero a lungo parlato ieri ad Arcore, cosa che avrebbe fatto slittare alla giornata di oggi l’annuncio ufficiale sulla cessione. Parrebbe, ad esempio, che Galliani, dopo 29 anni di onorato servizio, non abbia voglia di lasciare il Milan e per lui si profilerebbe addirittura la carica di Presidente, non si sa se onorario o meno. Ed anche Silvio e Barbara Berlusconi sono destinati a rimanere in seno alla società, ma ancora non si sa esattamente con quali incarichi dirigenziali. Tutti “dettagli” che probabilmente saranno discussi in mattinata nel nuovo incontro a Milano tra Mr Bee e Berlusconi: dopo di che si attende solamente l’annuncio ufficiale della cessione della società in mani thailandesi per il 51%.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Miranchuk, l'uomo degli esordi col botto. Prime tre apparizioni, tre goal