Serie A, Doumbia e Florenzi stendono il Genoa. La Roma vince e torna a convincere (tabellino)

Pubblicato il autore: Simone Meloni Segui

doumbia

La Roma batte il Genoa e lancia un chiaro segnale alla Lazio. Nonostante un secondo tempo in cui i giallorosso hanno evidenziato sin troppa sofferenza prima di chiudere il match, la squadra di Garcia è apparsa finalmente convincente e convinta dei propri mezzi, mettendo in evidenza lo stato di grazia di Florenzi, una ritrovata lucidità di alcuni singoli (De Rossi e Pjanic su tutti) e un Doumbia concreto sotto rete.

Dopo i primi minuti di studio il primo sussulto è di marca capitolina. De Rossi controlla un pallone al limite dell’area di rigore e scaglia un destro che Perin devia in angolo. I ragazzi di Gasperini sono sicuramente ben schierati in campo e, con le incursioni di Laxalt (schierato all’ultimo al posto di Falque) e De Maio tenta di scardinare la retroguardia avversaria. A differenza della gara contro l’Atalanta, la Roma si stende all’attacco con più verve, costruendo la propria manovra nel fortino di centrocampo. Come spesso successo in questa stagione, Nainggolan veste i panni del regista, portandosi al tiro in diverse occasioni, come al 24’ quando il suo destro trova la pericolosa deviazione di un difensore ligure ma anche la pronta respinta di Perin. Qualche minuto dopo ancora giallorossi pericolosi, con Florenzi che sugli sviluppi di un corner riceve il pallone al vertice destro dell’area rossoblu e scarica una conclusione che muore di poco al lato. In questo momento della gara gli uomini di Garcia mettono una marcia in più, capendo che è il momento di osare, anche in virtù del grande caldo, che con il passare del tempo renderà molto più faticoso ogni movimento. E allora al 24’ arriva il vantaggio romanista, siglato da quello che fino a due settimane fa era un mero oggetto misterioso: Seydu Doumbia. L’ivoriano intercetta un disastroso retropassaggio di Roncaglia e si involta verso l’estremo difensore dei grifoni battendolo in uscita. Il gol, logicamente, galvanizza la Roma. Al 40’ è ancora Nainggolan a provarci da fuori, ma Perin è presente e sventa il pericolo.

Nella ripresa i romani arretrano di qualche metro il proprio baricentro, costretti anche dall’incapacità di un evanescente Gervinho di allungare i reparti. Ibarbo giostra tra attacco e centrocampo, facendo spesso capolino in difesa per conquistare la sfera e far ripartire il gioco. Al 53’ Doumbia protegge palla all’ingresso dell’area e serve l’accorrente Pjanic, il cui tiro finisce però nel campo per destinazione. Gasperini butta nella mischia Falque e ordina ai suoi di cercare il tutto per tutto, intuendo il leggero calo della Roma. Al 56’ proprio Falque scambia in area con un compagno e lascia partire un destro che De Sanctis è bravo a smorzare in angolo. I rossoblu tentano di assediare l’area dirimpettaia, conquistando numerosi calci d’angolo ma non riuscendo mai a mettere seriamente in pericolo l’incolumità dell’ex portiere di Napoli e Udinese. Al 62’ De Rossi prova conclusione dai 20 metri, troppo debole il fendente che viene trattenuto con semplicità da Perin. La Roma soffre ma contiene saggiamente le sfuriate genoani, anche se al 91’ Lestienne avrebbe sulla testa la palla del pareggio, ma il suo impatto è pessimo e la sfera termina quasi in fallo laterale. Sul ribaltamento di fronte è allora Florenzi a chiudere i conti. Il jolly giallorosso parte palla al piede dalla propria area, arrivando in quella genoana e lasciando partire un missile terra-area che fa secco il portiere avversario per il boato dell’Olimpico, che dopo mesi di sofferenze ha rivisto in campo una squadra con un minimo di gioco e di logica.

ROMA-GENOA 2-0

MARCATORI 34’Doumbia, 92’Florenzi

ROMA De Sanctis, Florenzi, Manolas, Astori, Torosidis, Nainggolan, De Rossi, Pjanic (71’Mapou), Gervinho, Doumbia (59’ Iturbe), Ibarbo (86’ Cholevas) PANCHINA Skorupski, Cole, Balzaretti, Ucan, Pellegrini, Paredes, Verde, Ljajic, Totti ALLENATORE Garcia

GENOA Perin, Roncaglia, De Maio, Izzo, Tambè, Rincon, Bertolacci (21’ T.Costa), Kucka, Laxalt (58’ Lestienne), Niang, Berdich (45’Falque) PANCHINA Lamanna, Sommariva, Mandragora, Edenilson, Pavoletti, Borriello ALLENATORE Gasperini

ARBITRO Damato di Barletta

AMMONITI Torosidis, Manolas, De Rossi (R), Roncaglia, Laxalt, Izzo (G)

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: ,