Europei under 21, Girone A passano Danimarca e Germania

Pubblicato il autore: Roberto Minichiello Segui

europeo under 21

Si è concluso il girone A degli Europei Under 21 di scena in Repubblica Ceca, a passare alle semifinali saranno Danimarca e Germania che sono anche le prime due formazioni a partecipare ai giochi olimpici di Rio de Janeiro nel 2016. Nell’ultima partita del girone si sono affrontate Danimarca Serbia e Repubblica Ceca Germania. Nella prima partita è stata la Danimarca ad avere la meglio sulla Serbia, vincendo per 2-0 con le reti di Falk al 21′ primo tempo e Fischer al 2′ della ripresa. Le due formazioni devono riscattare le sconfitte con Germania e Repubblica Ceca, e la Danimarca da subito vuole dimostrare di voler passare il turno, la Serbia è la squadra che ha più deluso in questa manifestazione, soprattutto dopo il pesante 4-0 contro i padroni di casa. I danesi impongono da subito il loro ritmo non dando spazio agli avversari e al 21′ colpiscono con Falk che con un rasoterra batte il portiere serbo dopo un errore generale della difesa. La Serbia cerca di reagire con Djuric che fa la barba al palo, ma nel finale di tempo è sempre la Danimarca ad essere più pericolosa colpendo il palo con Durmisi. Nella ripresa la situazione non cambia e subito i danesi trovano il raddoppio. Punizione di Hojbjerg la difesa serba anche stavolta è distratta e lascia libero Fischer che di testa realizza il secondo gol. E’ il gol che chiude la partita, la Serbia reagisce ma non trova mai la via della rete, anzi è sempre la Danimarca che sfiora anche il terzo gol. Danimarca prima nel girone, Serbia fanalino di coda e sorpresa in negativo del torneo.

DANIMARCA-SERBIA 2-0 (1-0)

Danimarca (4-2-3-1): Busk 6,5; Scholz 6, Vestergaard 6,5, Christensen A. 6,5, Durmisi 7; Jønsson 6,5, Højbjerg 7 (89′ Nørgaard sv); Thomsen 6,6, Falk 6 (86′ Bech sv ), Fischer6,5 (66′ Christensen L. 6); Poulsen 7. A disp.: Bangaard, Berggreen, Brock-Madsen, Jensen, Remmer, Rønnow, Sisto, Sorensen. All.: Thorup.
Serbia (4-2-3-1): 
Dmitrović 6,5; Petković 4,5, Ćirković 5 (82′ Pantić sv), Spajić 5, Petrović5,5; Kovačević 5, Čaušić 5; Djuričić 6, Jojić 5,5 (66′ Trujić 5,5), Čavrić 4,5 (59′ Milunović5,5); Pešić 5A disp.: Ćosić, Filipović, Ivanić, Mijailović, Perić, Srnić, Stevanović, Stojković. All.: Dodić.
Arbitro: Sidiropoulos (GRE)
Marcatori:
21′ Falk, 47′ Fischer.
Note – Ammoniti: Ćirković (S), A.Christensen (D), Petrović (S), Petković (S).

A Praga la Germania affronta i padroni di casa della Repubblica Ceca, caricati dal roboante 4-0 ai danni della Serbia e si giocano la possibilità di accedere alle semifinali. I tedeschi, invece, basta anche un pareggio per accedere alle semifinali e quindi ai giochi di Rio. La Germania fin da subito cerca di fare la partita e prende in mano il pallino del gioco sfiorando anche la rete con Younes e con Schulz, invece i cechi sono contratti e non riescono ad essere troppo pericolosi. Nella ripresa i cechi si spingono avanti cercando di portare a casa la vittoria e la qualificazione ai danni della stessa Germania. Un salvataggio sulla linea di Korb e un tiro finito poco a lato di Skalak mettono i brividi a Ter Stengen. Nel momento di difficoltà dei tedeschi arriva la doccia fredda per i cechi. Un errato disimpegno in area di Kalas serve a Schulz un assist al bacio che l’esterno non può che mettere in rete con un rasoterra perfetto. I cechi subiscono il colpo e rischiano di crollare in altre due occasioni in entrambi i casi con Can protagonista. Ma nel momento peggiore per i padroni di casa arriva il gol del pareggio con Krejci, appena entrata, insacca dopo un assist di Petrak. La partita non si spegne con entrambe le squadre che cercano la vittoria, ma alla fine il risultato non cambia e sancisce la qualificazione della Germania. Niente da fare per i padroni di casa, da rimpiangere la prima partita del torneo con la sconfitta contro i danesi, che si sono qualificati al primo posto del girone, sovvertendo a tutti i pronostici.

REPUBBLICA CECA-GERMANIA 1-1 (0-0)

Repubblica Ceca (4-4-2): Koubek 6, Kadeřábek 7, Brabec 6, Hybš 6, Kalas 5, Petrák 6.5, Zmrhal 6.5, Kliment 6, Frýdek 6.5 (79′ Přikry sv) Trávník 5.5 (60′ Krejčí 6.5), Skalák (61′ Masopust 6). A disp.: Reichl, Pavlenka, Takács, Baránek, Jugas, Hanousek, Jánoš, Houska.All.: Dovalil 6

Germania (4-4-2): Ter Stegen 6, Korb 6.5, Heintz 6.5, Ginter 6.5, Günter 6; Younes 6 (64′ Bittencourt 6), Can 7, Kimmich 6, Schulz (92′ Hoffmann sv); Meyer 6 (82′ Malli sv) Volland5.5. A disp.: Leno, Horn, Knoche, Geis, Leitner, Demirbay, Arnold, Klaus, Gnabry. All.:Hrubesch 7

Arbitro: Makkelie (NED)

Marcatori: 55′ Schulz (G); 66′ Krejčí (RC)

Note-Ammonizioni: Frýdek (RC); Younes, Korb, Kimmich, Can (G)

  •   
  •  
  •  
  •