Si chiama Parma Calcio 1913, la nuova società con Scala presidente

Pubblicato il autore: Roberto Minichiello Segui

Parma Calcio 1913

Nasce il Parma Calcio 1913 e avrà come presidente un uomo che ha fatto la storia della vecchia società gialloblu, portando a vincere sia in Italia e sia in Europa, Nevio Scala che non torna da tecnico ma da un ruolo non propriamente suo, soprattutto torna con la voglia di far risalire nel calcio che conta questa nuova società. Si riparte dai dilettanti, ma con alle spalle una società che ha come azionisti imprenditori del calibro di Guido Barilla, Gian Paolo Dallara e Marco Ferrari. I tre si sono presentati nello studio notarile di Almansi per far nascere la società NewCo 1 che riunirà i capitali di tutti gli imprenditori. Si tratta di azionariato che comprende molti imprenditori della città di Parma, come lo stesso Barilla ha commentato: “Non sono niente. Sono un micro-azionista, come gli altri”. Anche altri imprenditori faranno parte della cordata che ha dato vita al Parma Calcio 1913, che verranno presentati insieme al progetto in una conferenza stampa mercoledì.

A questo gruppo di imprenditori la società si affiderà anche all’azionariato popolare diffuso con una somma di 500 euro possono entrare nel consiglio. La società denominata NewCo 1 ha preparato la bozza di richiesta per la concessione dello stadio Tardini già inviata al Comune che ha dato il suo pieno appoggio al Parma Calcio 1913. In giornata è avvenuto anche la scelta dell’uomo che guiderà questa nuova squadra a risalire presto la china, sarà infatti Nevio Scala il presidente del Parma Calcio 1913. “Il Parma rinasce dai dilettanti e avrà una storia positiva“, queste le prime parole del nuovo presidente. “Ho la fortuna di essere stato scelto da un gruppo di persone di elevato spessore. Sto studiando il nuovo ruolo: spero di essere all’altezza. Cosa provo in questo momento? Un mix di emozione e responsabilità. L’amore nei confronti di questa città e di questa gente è grande: gli innamorati compiono azioni col cuore. Per me sarà una nuova avventura: sono molto carico.” L’obiettivo è quello di costruire basi solide affinché non succeda quello che è già successo. “Siamo appena nati: già da oggi pomeriggio lavoreremo per creare delle basi solide. Partiamo da una categoria che non compete a Parma. Faremo tutto quello che sarà nelle nostre forze per fare felici i nostri tifosi“. Il primo presidente del Parma Calcio 1913 conclude parlando di questo suo nuovo lavoro: “Sarò un presidente che non invaderà il ruolo altrui. Inizieremo a valutare diverse possibilità per i piani tecnici: abbiamo in mente dei progetti interessanti. Li condivideremo nei giusti tempi”.

 

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: