Calciopoli Moggi assolto, il Tweet dell’ex d.g della Juventus: “Finalmente ho avuto giustizia”

Pubblicato il autore: Mattia Emili Segui

calciopoli moggi

CALCIOPOLI MOGGI: ALTRA VITTORIA PER L’EX D.G BIANCONERO. Nuovi colpi di scena nel processo di Calciopoli: il Tribunale di Milano ha assolto Luciano Moggi dall’accusa di diffamazione nei confronti di Giacinto Facchetti. Tali accuse risalivano all’ottobre 2010 quando l’ex direttore della Juventus, nella trasmissione televisiva “Notti Magiche”, parlò di “telefonate” relative alle griglie di designazione arbitrale e di una “richiesta” da parte dell’ex presidente dell’Inter “ad un arbitro (Bertini n.d.r.) di vincere la partita di Coppa Italia contro il Cagliari. Presente in studio in quell’occasione anche l’allora capitano dei nerazzurri Javier Zanetti.
CALCIOPOLI MOGGI: LA QUERELA. All’indomani di quelle pesanti frasi, Gianfelice Facchetti, figlio di Giacinto, presentò la querela contro Moggi, facendo scaturire il processo. Il p.m. Elio Ramondini aveva chiesto una condanna a 10 mila euro di multa, accusando inoltre l’imputato di aver creato una strategia difensiva mediatica per coinvolgere anche Facchetti nel suo “Sistema Moggi” accertato dalla Cassazione.

Nel corso del processo, una sorta di Calciopoli bis, sono stati ascoltati lo stesso Zanetti, Massimo Moratti, l’ex arbitro De Santis e l’ex designatore arbitrale Pierluigi Pairetto. L’assoluzione, da parte del Giudice Oscar Magi, è alla fine arrivata “perché il fatto non costituisce reato”.

CALCIOPOLI MOGGI, L’ESULTANZA DI “BIG LUCIANO” IN UN TWEET. Si tratta di una vittoria importante per Luciano M0ggi, in quanto se “il fatto non costituisce reato”, ovvero le sue frasi non comportano diffamazione, significa che il comportamento dell’ex d.g. viene giudicato comune a quello tenuto dai dirigenti dell’epoca, avvalorando la sua tesi difensiva. Lo stesso “Big Luciano” ha subito twittato: “Tribunale Milano Gf Facchetti vs @LucianoMoggi: Assolto perché il fatto non sussiste” eFinalmente ho avuto giustizia”. 

  •   
  •  
  •  
  •