Esordio vincente per Pirlo con New York, sconfitta 5-3 la squadra di Kakà

Pubblicato il autore: Rocco Menechella Segui

pirlo-new-york-cityAl minuto 56′ dell’incontro New York Fc-Orlando è ufficialmente iniziata l’avventura in MLS di Andrea Pirlo. Un boato dello Yankees Stadium ha accolto l’ingresso in campo del giocatore italiano seguito dal coro portafortuna ai mondiali del 2006 con Pirlo tra i protagonisti del trionfo. Subito la stretta di mano con il numero 10 di Orlando, quel Ricardo Kakà suo ex compagno ai tempi del Milan e con cui più volte si è fermato a parlare nelle pause della partita. L’ingresso di Pirlo è avvenuto sul risultato di 2-1 a favore dei padroni di casa grazie anche ad una perla nel primo tempo dell’altra stella della squadra lo spagnolo David Villa. Un’ovazione ad ogni tocco di palla dell’ex calciatore della Juventus che ha subito preso in mano le redini del centrocampo con i suoi proverbiali lanci millimetrici tra lo stupore dell’estasiato pubblico presente. Pochi minuti però dall’ingresso in campo di Pirlo ed Orlando trova il pari con la personale doppietta di Larin.

Al minuto 66′ David Villa decide che è tempo di doppietta anche per lui e con un’azione personale riporta in vantaggio New York FC con un gran rasoterra a giro dal limite dell’area di rigore. Passano altri 4 minuti e la nuova squadra di Andrea Pirlo cala il poker con la rete di Mcnamara che fulmina il portiere ospite con un sinistro dal basso verso l’alto che si insacca sotto la traversa per il 4-2 che sembra chiudere la pratica. Ma Larin non è daccordo ed a 5 minuti dal termine riapre l’incontro con un tiro all’incrocio dei pali che vale la sua personale tripletta ed il momentaneo 4-3. Nei tre minuti di recupero succede di tutto. Calcio di punizione dal limite per Orlando e palo pieno di Kakà e sulla ripartenza Diskerud chiude l’incontro siglando il tap in del definitivo 5-3. Per Andrea Pirlo esordio vincente con più di mezz’ora disputata, con una condizione fisica sicuramente da migliorare ma con giocate e lanci di classe sopraffina. Da registrare anche la sua prima ammonizione per un fallo tattico servito a bloccare una ripartenza di Orlando.

  •   
  •  
  •  
  •