Milan, 5 a 1 all’Alcione. Brillano Niang e Suso

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado Segui

mihajlovic,milanGambe pesanti, numerose assenze e meccanismi di gioco che ad una settimana dall’inizio del ritiro tutto possono essere fuorchè ben oleati. E’ stata la classica amichevole di inizio stagione quella andata in scena tra il Milan ed i dilettanti dell’Alcione al ” Chinetti ” di Solbiate d’Arno, per l’occasione gremito di tifosi rossoneri. Tanta era la curiosità per vedere all’opera il primo Milan dell’era Mihajlovic, in attesa di probabili altri colpi di mercato ma soprattutto in attesa di conoscere da vicino i nuovi acquisti già ufficializzati dalla società rossonera ed assenti oggi. La prima formazione scelta dal tecnico serbo è condita zeppa di Primavera con Calabria, Pessina, Locatelli e Mastour accanto agli ” esperti” Abbiati, Abate, Zaccardo, Albertazzi, Poli, De Jong e Cerci.  Senza un centravanti di ruolo Mihajlovic ha fatto giostrare in avanti il giovane Mastour con Locatelli e Cerci ai suoi lati. E proprio il marocchino non ha brillato seppur di fronte ad una formazione dilettantistica segno, forse, che le voci sul suo futuro lontano dal Milano potrebbero iniziare a pesare.  Nel primo tempo la formazione rossonera è partita con il freno a mano tirato facendosi sorprendere dalla verve dell’Alcione che al settimo minuto sono passati in vantaggio con Gennarelli, abile a superare in velocità Zaccardo ed a depositare alle spalle di Abbiati.

Leggi anche:  "Buffon ha rifiutato il Barcellona". Un posto da titolare terrebbe viva la speranza Qatar 2022

La ” reazione” del Milan tarda ad arrivare e soltanto al 16esimo Mastour ( unico guizzo della sua gara)  da inizio ad un’azione pericolosa terminata con il tiro di Abate respinto dalla difesa dell’Alcione. Tre minuti più tardi il Milan pareggia con De Jong sugli sviluppi di un calcio di rigore concesso per un fallo di mano in area dopo un calcio d’angolo. Attorno metà ripresa il Milan diventa più sciolto e prima Pessina e poi Poli sfiorano il vantaggio che arriva al 29esimo con lo stesso Poli, servito alla perfezione da Cerci. Tra i rossoneri una nota di merito va al giovane Locatelli, protagonista di numerose giocate pericolose e autore dell’assist che in chiusura di tempo ha permesso a Cerci di portare a tre le marcature rossonere. Nella ripresa Mihajlovic effettua la prevista girandola di cambi inserendo tutti gli uomini in panchina ( tranne Agazzi). Esordio con la maglia rossonera, quindi, per Josè Mauri. Al 50esimo la formazione rossonera porta a quattro le proprie marcature grazie a Niang che deposita in rete dopo una torre di Alex. Sempre il giovane francese, tra i migliori in campo, a realizzare la quinta rete al 60esimo con un tocco sottomisura che non lascia scampo al portiere dell’Alcione. Il Milan della ripresa si  fa preferire rispetto a quello dei primi quarantacinque minuti grazie soprattutto alle giocate di Suso e Niang ed alla concretezza di un ritrovato Nocerino ( che timbra per due volte la traversa). Per Mihajlovic buone impressioni sono arrivate da Niang, De Jong e Suso , tre giocatore che potrebbero rivelarsi importanti nel corso della stagione. La strada è ancora, però, molto lunga e tortuosa e questo Milan prima di poter pensare di competere con i top club della Serie A dovrà ancora crescere. E molto.

Leggi anche:  Milan, Ibrahimovic vicino all'operazione: cambiano i piani di mercato

Milan  5 

Alcione  1

MILAN( primo tempo): Abbiati, Abate, Zaccardo, Albertazzi, Calabria, Poli, De Jong, Pessina, Locatelli, Cerci, Mastour.

MILAN ( secondo tempo) :Donnarumma, Calabria, Zaccardo, Alex, Albertazzi, Mastalli, José Mauri, Nocerino, Suso, Niang, Cutrone.

ALCIONE: Vavassori, Pastori, Cristiani, A. Dorati, L. Rossi, Cozzi, Fabrizio, Albertini, Gennarelli, Pellegatta, R. Rossi. A disp.: Calderara, Bianchi, Garazzini, Masoero, Caccianiga, Ricci, S. Dorati

Reti: 5′ Gennarelli, 19′ De Jong, 25′ Poli, 44′ Cerci, 51′, 61′ Niang

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: ,