Milan, Menez o non Menez?

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui

menez-jeremy-3Jeremy Menez e il Milan, un amore che forse non è mai sbocciato del tutto, nonostante il francese ex Roma e PSG abbia messo a segno 16 reti nella scorsa infelice stagione rossonera. Talentuoso, lunatico e poco incline al sacrificio, questo si è sempre detto di Menez, Inzaghi lo aveva messo al centro del suo progetto affidandogli le chiavi dell’attacco, facendo fuori niente meno che Fernando Torres.

Dopo un ottimo girone d’andata il francese ha cominciato ad andare a corrente alternata, diventando sempre più egoista in campo, facendo indispettire non poco i compagni d’attacco. Arrivato a parametro zero Menez potrebbe rappresentare una succulenta plusvalenza per il club di via Aldo Rossi. Mihajlovic ancora non lo schierato nei primi test stagionali, ufficialmente per un ritardo di condizione dovuto all’operazione per rimuovere un’ernia discale, ma anche l’assenza nel video promozionale della campagna abbonamenti lascia più di un sospetto sulla permanenza in rossonero di Menez.

Nei giorni scorsi si è parlato di un suo inserimento nella trattativa che potrebbe portare Axel Witsel al Milan, ma lo Zenit vorrebbe soltanto cash per il belga e la Russia non sembra essere destinazione gradita per il numero 7 del Milan. Jeremy ha bisogno di sentirsi importante, di essere coccolato e protetto anche da sé stesso a volte, il reparto avanzato del Milan è affollato come un bar all’ora di punta e non sembra esserci troppo spazio per il talento incostante dell’ex enfant prodige del Monaco.

  •   
  •  
  •  
  •