LIVE : CONFERENZA DI PRESENTAZIONE STEFAN JOVETIC!

Pubblicato il autore: Antonio Branciforti Segui

jovetic inter

Oggi si sta svolgendo la conferenza stampa dell’ultimo acquisto dell’Inter Stefan Jovetic, diventato ufficialmente nerazzurro lo scorso 26 Luglio . Il giocatore è stato acquisito dall’Inter tramite un prestito oneroso 3 milioni per 18 mesi, con riscatto fissato a 12 in favore del Manchester City.

Apre la conferenza stampa  Marco Fassone: “Diamo il benvenuto a Stevan, non servono molte parole per presentarlo. A luglio ha manifestato il proprio desiderio di tornare in Italia e di giocare con l’Inter. Speriamo possa essere una stagione ricca di successi”.

Ecco le parole del nuovo numero 10 nerazzurro (dopo la partenza di Kovacic ha cambiato la sua maglia n.35 con quella del croato):

Hai scelto il 10: sei pronto per essere il leader della squadra?
“Sono felice di questa scelta, quando sono arrivato avrei voluto il numero 8. Poi ho preso il 35 giù usato in precedenza. Mateo, purtroppo, è andato via e quindi ho scelto il 10. Sono veramente felice di indossarlo”.

Come sta la squadra?
“Ci siamo allenati molto bene e le amichevoli sono servite, nonostante i risultati. Siamo pronti per domenica, non vediamo l’ora di giocare”.

Come procede l’intesa con Icardi?
“Lui è molto forte, procede tutto benissimo. C’è intesa e miglioreremo ancora”.

Sei stimolato dal fatto di essere un top acquisto?
“Sì, è uno stimolo in più. Ho sempre giocato con le pressioni, non c’è problema per me”.

In cosa sei cambiato dall’esperienza a Firenze?
“A Manchester sono cresciuto, soprattutto dal punto di vista mentale. Dimostrerò sul campo”.

Qual è il tuo ruolo ideale?
“Posso giocare in tanti ruoli, anche come seconda punta. Mi trovo bene lì, ma se cambieremo mi adatterò”.

Come mai in Premier non abbiamo visto il vero Jovetic?
“Sin dall’inizio ho avuto tanti problemi, poi anche quando giocavo bene il mister mi sostituiva subito. Mi è comunque servito tutto. Ora farò vedere chi sono”.

Cosa ti ha spinto a sposare il progetto nerazzurro?
“Mi hanno presentato il progetto, questo mi ha spinto a venire a Milano”.

Cosa ti ha detto Mancini?
“Abbiamo parlato del mio ruolo in campo, e poi il mister mi ha spiegato cosa avrebbe voluto da me”.

 Hai mai avuto il timore di restare a Manchester?
“Il primo anno sapevo che sarei rimasto, poi le cose non sono andato bene e non giocavo, quindi ho deciso di cambiare. Soprattutto dopo l’esclusione dalla lista Champions”.

Cosa pensi dei giovani dell’Inter?
“Sono bravi e ci possono sicuramente aiutare”.

Cosa vuoi promettere ai tifosi?
“Adesso è troppo facile promettere, ma sono sicuro che farò tanti gol e tanti assist”.

Ti piacerebbe ricominciare a segnare contro il Milan?
“Spero sin da subito contro l’Atalanta (ride, ndr). So che il derby è molto importante, vorrei segnare contro tutti”.

L’Inter è in grado di lottare per il terzo posto?
“Assolutamente sì, anche se la concorrenza è importante. La nostra squadra comunque è forte”.

Cosa pensi della cessione di Kovacic?
“La società sa quello che fa, ma sicuramente è un giocatore giovane e straordinaria”.

Quanto ha influito Mancini nella tua scelta?
“Parlammo già all’epoca per andare al City, poi quest’estate mi ha voluto, mi ha parlato e mi ha convinto”.

Pensi che la Serie A stia tornando ad alti livelli?
“Spero e penso di sì. Io quando ero giovane guardavo sempre la Serie A”.

Quale accoglienza ti aspetti dal pubblico della Fiorentina?
“Amo quella città e mi sono sempre trovato benissimo. Mi aspetto una bella accoglienza, ero felice a Firenze e sono sicuro che i tifosi viola mi accoglieranno bene”.

Quando l’Inter sarà in grado di lottare per lo Scudetto?
“Le amichevoli servono sempre per fare esperimenti, poi le gambe sono pesanti. Ci sono tanti giocatori nuovi, occorre del tempo. Ma spero che per il campionato saremo pronti. Speriamo possa arrivare ancora qualche rinforzo. Se le altre big comprano anche noi dobbiamo farlo “.

Finita la Conferenza stampa.

  •   
  •  
  •  
  •