Milan, Inzaghi fa 42! Guarda il VIDEO di tutti i suoi gol in rossonero

Pubblicato il autore: Salvatore Balistreri Segui

milan

MILAN – In ambito calciomercato quella di oggi potrebbe essere una giornata molto importante per il Milan. Galliani, infatti, dovrebbe incontrare in giornata Walter Sabatini e chiudere l’affare Romagnoli, regalando cosi a Mihajlovic il difensore mancino tanto richiesto dallo stesso tecnico serbo. Ma fuori dal calciomercato e dal campo, per il Milan la giornata odierna è altrettanto importante in quanto compie gli anni una delle sue più grandi bandiere, ovvero Filippo Inzaghi. Ripercorriamo quella che è stata la carriera dell’ultimo grande bomber di casa Milan.

INZAGHI IL CALCIATOREE’ il luglio del 2001 quando il Milan annuncia di aver acquistato dalla Juventus il forte centravanti Filippo Inzaghi, un uomo capace di segnare 77 reti in 150 presenze con la maglia bianconera, pagato ben 70 miliardi delle vecchie lire. Ci vuole pochissimo affinché ‘Superpippo’ diventi un beniamino per i tifosi rossoneri, in quanto il piacentino mette a segno la sua prima rete milanista già alla sua seconda partita, quella vinta 5-2 contro la Fiorentina. Nonostante un infortunio che ne ha pregiudicato la sua prima stagione, Inzaghi, in coppia con Shevchenko e Rui Costa alle spalle, si rifa nella storica annata 2002-2003, dove trascina il Milan in campionato (con 17 gol), in Champions League, (con ben 12 gol più la fondamentale zampata concretizzata da Tomasson che permise ai rossoneri di eliminare l’Ajax all’ultimo secondo di gara), e anche in Coppa Italia, dove timbra il cartellino del definitivo 2-2 contro la Roma che vale il successo per il Milan.

Ancora gli infortuni pregiudicano altre due annate per il centravanti nativo di Piacenza, che però torna protagonista nel finale di stagione 2005-2006 dove, grazie a una sua doppietta contro il Lione, permise al Milan di raggiungere la semifinale di Champions (poi persa contro il Barcellona) e mise il suo sigillo anche con la Nazionale Italiana (segnò il 2-0 contro la Repubblica Ceca) nella corsa verso la vittoria finale di Berlino.

Il 2006-2007, campionato a parte, diventa nuovamente un anno magico per il numero 9 del Milan, che parte fortissimo segnando i gol che permisero ai rossoneri di qualificarsi ai gironi di Champions League ai danni della Stella Rossa. Mantiene la media realizzativa di un gol ogni 180′ e risulta decisivo nel’ultima grande vittoria del Milan nella coppa dalle ‘grandi orecchie’, ovvero la storica ‘vendetta’ di Atene contro il Liverpool messa in cascina grazie alla sua fondamentale doppietta. Ma Inzaghi fu determinante anche nella successiva Supercoppa Europea contro il Siviglia e nel Mondiale per Club stravinto contro il Boca Juniors nell’anno che incoronò Ricardo Kakà al calcio mondiale. Due gol che gli permisero di conquistare il titolo di unico giocatore in grado di realizzare gol in tutte le competizioni internazionali.

Il 2008, invece, è l’anno dei 100 gol di ‘Superpippo’ con la maglia del Milan. La centesima marcatura avviene durante il match di campionato contro l’Udinese vinto dai rossoneri 4-1, mentre l’anno successivo Inzaghi raggiunge anche il tetto dei 300 gol in carriera. Numeri eccezionali per un giocatore che ha il gol nel sangue tanto che in molti sostengono che non sia lui a cercare il gol ma viceversa. Numeri che si aggiornano nel 2010, quando supera Marco Van Basten tra i bomber più prolifici con la maglia del Milan addosso e lo vedono in lotta contro lo spagnolo Raul per aggiudicarsi il primato di gol segnati nelle competizioni UEFA per club.

Filippo annuncia il ritiro, dopo essersi ripreso da un serio infortunio al ginocchio sinistro, nel maggio 2012 con lo scudetto dell’anno precedente come ultima gioia in ordine cronologico, e conclude come solo lui sa fare la sua carriera da calciatore: scende in campo nell’ultimo match contro il Novara con lo stadio San Siro che urla continuamente il suo nome, e mette a segno il gol che permette al Milan di ottenere il successo nella partita che segnerà una vera e propria chiusura di un ciclo che ha regalato ai rossoneri due Champions League, due Scudetti, due Supercoppe Europee, due Supercoppe Italiane, un Mondiale per Club e una Coppa Italia, ovvero tutti i trofei vinti da ‘Superpippo’ nei suoi undici anni trascorsi con la maglia milanista.

INZAGHI DA ALLENATOREInzaghi, spinto dalla dirigenza rossonera, decide di appendere le scarpe al chiodo e di intraprendere la carriera da allenatore. Inizia con gli allievi del Milan per poi passare dopo un anno alla Primavera. Qui ottiene la sua prima gioia nella nuova veste, conquistando l’importante Torneo di Viareggio e guadagnandosi la fiducia per allenare la prima squadra. Viene infatti chiamato per sostituire Seedorf all’inizio della scorsa stagione con il morale a mille ma, dopo una prima fase di stagione molto promettente, da gennaio in poi il suo Milan entra in una crisi senza fine che porta i rossoneri a chiudere la stagione al decimo posto e, di conseguenza, al sollevamento dell’incarico per lui, sostituito da Sinisa Mihajlovic.

Ecco di seguito il video con tutti i gol segnati da Filippo Inzaghi con la maglia del Milan.

  •   
  •  
  •  
  •