Sampdoria a Novi Sad per riprendersi l’orgoglio

Pubblicato il autore: Roberto Minichiello Segui

sampdoria zenga

La Sampdoria atterrata a Novi Sad nella mattina di mercoledì è pronta per affrontare il ritorno di Europa League e il diktat di società e allenatore è uno solo: “Riprendersi l’onore e l’orgoglio“. Dopo la disfatta di Torino le attenzioni si sono rivolte esclusivamente a cancellare la sconfitta subita contro la Vojvodina. Si è parlato molto della figuraccia subita e la società ha cercato di allontanare tutte le voci riguardanti il futuro del mister Walter Zenga in modo che si pensasse esclusivamente a ritrovare l’onore perduto. Infatti il mister della Sampdoria ha parlato ai microfoni di SampTv della partita di giovedì 6 agosto nello stadio di Karađorđe di Novi Sad. “Abbiamo lavorato tanto sulla partita persa a Torino. Abbiamo cercato di mettere a fuoco perché sia venuta fuori una prestazione così negativa. Ora però vogliamo provare a riprenderci quello che ci è stato tolto.” E il tecnico lombardo in bilico appena terminata la sfida tra Sampdoria e Vojvodina, con le voci sulla sua successione di Delneri, di Montella con addirittura una petizione dei tifosi per avere l’aeroplanino sulla panchina blucerchiata sa che deve riconquistarsi soprattutto l’affetto dei tifosi. “Noi siamo quasi fuori, perché la verità è questa. Però è quel “quasi” che ci dà determinazione. Vogliamo andare in Serbia a riprenderci l’onore, perché è importante la dignità. Abbiamo lavorato tanto per riprenderci l’onore e i tifosi.”

Ecco il video dell’intervista al mister Zenga.

Nella storia delle 16 vittorie italiane in terra serba solo una volta è capitato di batterli con un punteggio che servirebbe alla Sampdoria per superare il turno. E’ capitato nella stagione 1965/66 nella allora Coppa delle Fiere, ad opera della Fiorentina che sconfisse la Stella Rossa con il risultato di 4-0. E parlando della Vojvodina una sola volta in competizioni europee la squadra di Zagorcic ha subito una sconfitta tale da far sperare la Sampdoria in una qualificazione, subendo un 1-5 casalingo contro gli austriaci del Gazer.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: