TORO: parla Ventura: “Oggi stiamo seminando per l’anno prossimo”

Pubblicato il autore: Antonio Chiera Segui

VENTURA MONDOVI

VENTURA:  ” le troppe aspettative fanno perdere di vista la realtà,  noi abbiamo un grande nemico… la presunzione del tifoso o del calciatore”

A margine del triangolare di ieri a Mondovì dove il Torino ha vinto come nelle previsioni sul Bra, Mister Ventura a fine gara è stato “circondato” dall’affetto dei tifosi, tra un aperitivo e un buon bicchiere di vino, ha parlato al ristretto pubblico  e presidenti di club di Cuneo e del Piemonte (circa 15) precisando alcune idee che in questi quattro anni di lavoro si è costruito,  che campionato sarà quello che il Toro si appresta a cominciare:

“noi abbiamo un grande nemico…”  un tifoso gli grida la Juve!!!  “ no,  la Juve e semplicemente una squadra e le squadre si possono semplicemente battere, l’abbiamo battuta una volta è proviamo a batterla ancora, il vero problema è un altro, noi abbiamo un vero grande nemico, la presunzione, che può essere del giocatore o del tifoso, nel momento in cui vedo che c’è grande entusiasmo, c’erano tanti a Chatillon, dove potevamo fare molto, ed ho visto tanta gente veramente con l’orgoglio di mettersi la maglia granata, quindi, questo è un lato positivo, però,  il più grande errore è questo, ve lo dico perché e già successo con me presente, non qui a Mondovì …. ma sul campo, le troppe aspettative fanno perdere di vista la realtà, e la realtà e che abbiamo fatto un buon lavoro se non un ottimo lavoro di programmazione e che abbiamo il 70% di giocatori di 22/23 anni, quindi è evidente che la grande aspettativa significa che difronte ad una difficoltà c’è chi storce la bocca e chi magari comincia a criticare il giocatore, quando sono arrivato funzionava così! noi abbiamo cercato di cambiare questo, io credo che il pubblico del Torino sia diventato più maturo rispetto a quando sono arrivato, perché è un po’ più sereno, allora io dico che se vogliamo far crescere questo gruppo bisogna avere l’umiltà di sapere che stanno lavorando per crescere, ma non siamo ancora cresciuti, quindi bisogna dargli un pò di tempo,  se alla prima difficoltà, cominciamo a storcere la bocca oppure ecc…. ecc…. è evidente che la crescita sarà rallentata, io lo dico perché…. ma potevi dircelo….. ed io ve lo sto dicendo! a scanso di equivoci, perché sarebbe un peccato, è stato fatto secondo me, in questi quattro anni un buon lavoro soprattutto, come struttura, oggi stiamo seminando per l’anno prossimo, tra due anni non facciamo più questi discorsi perché siamo assestati dove credo che il Torino meriti di stare. Questo lo volevo dire…. menomale che qualcuno fa… e mi autorizza a dire ….”   Chiusura tra un’ esultanza di applausi e meriti riconosciuti al grande tecnico granata VENTURA.

Leggi anche:  Juventus, testa al mercato: aperta l'idea su Milik e Giroud

Questo il resoconto di mister “libidine” VENTURA,  che ha fatto al limitato gruppo presente all’evento “aperitivo” organizzato dal locale Club granata di Mondovì a cui fa capo Claudia Forziano.

  •   
  •  
  •  
  •