Tu non mi basti mai…Inter, ritorno al passato

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado Segui

mancini1Le prime dichiarazioni di Roberto Mancini sul trasferimento di Kovacic al Real Madrid testimoniano quanto i numeri avevano da tempo confermato. Il tecnico di Jesi passerá alla storia per i suoi continui ” vorrei” , le sue continue richieste di giocatori e la poca propensione a valorizzare il materiale umano già presente all’interno delle formazioni in cui ha allenato. Giustificare la cessione di Kovacic ( al di là del fatto che il croato non abbia mai convinto totalmente) con il fatto che il suo passaggio al Real Madrid è stato legato alla situazione di stallo delle altre operazioni in uscita dell’Inter dimostra come in Mancini non sia presente mai la voglia di accontentarsi.

Dopo le numerose operazioni in entrate fatte tra Gennaio e Agosto, e senza che l’Inter abbia mai dimostrato di avere un livello discreto di gioco, la società sta tornando un po’ ai vecchi tempi assecondando le richieste del proprio allenatore e continuando a cercare decine di giocatori. Podolsky e Shaqiri presi a gennaio e subito bocciati, Brozovic , Santon e poi in estate Murillo, Miranda, Jovetic, Kondogbia, Montoya e Biabany non sono bastati al tecnico dell’Inter per costruire una squadra competitiva al punto da sacrificare quello che negli ambienti interisti , e dallo stesso ex presidente Moratti,  veniva considerato il perno dell’Inter del futuro… E adesso?.. Sotto con i vari Perisic, Perotti e chi più ne ha più ne metta… Perchè all’Inter di questi tempi sono veramente a corto di giocatori………

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: