Vojvodina Sampdoria sono venti i convocati di Zenga

Pubblicato il autore: Roberto Minichiello

Sampdoria

Per cercare l’impresa, per dimenticare Torino sono venti i convocati di Zenga per il ritorno di Europa League tra Vojvodina Sampdoria. Oltre agli infortunati di lungo corso come Moisander, Pereira, e Correa si è aggiunto alla lista degli indisponibili anche capitan Palombo, fermato da una colica renale e non partirà per Novi Sad. Ecco la lista dei venti convocati disponibili per il ritorno del terzo turno preliminare di Europa League Vojvodina Sampdoria.

Portieri: Brignoli, Massolo, Puggioni, Viviano.

Difensori: Cassani, Coda, Salamon, Regini, Silvestre, Zukanovic.

Centrocampisti: Barreto, Fernando, Ivan, Krsticic, Soriano, Wszolek.

Attaccanti: Bonazzoli, Eder, Muriel, Oneto.

L’incontro in terra serba per la Sampdoria sarà arbitrato dal polacco Paweł Raczkowski di Varsavia, a completare il quartetto arbitrale polacco per la sfida tra la Sampdoria di Walter Zenga e i biancorossi di Zlatomir Zagorcic ci penseranno gli assistenti Tomasz Listkiewicz e Michal Obukowicz, quarto ufficiale sarà Tomasz Kwiatkowski. La partita verrà trasmessa in diretta da Rai Sport 2, canale 58 del digitale terrestre. 

Leggi anche:  Juventus, Moggi: "De Ligt va ceduto, ecco chi prenderei con 70 milioni"

Una settimana di passione e di allenamenti per preparare al meglio la trasferta di Novi Sad, per dimenticare la sciagurata partita di giovedì scorso di Torino, con in testa una folle idea come dichiarato dal portiere Emiliano Viviano ai microfoni di SampTv. “Dobbiamo andare là e provare a vincere, provare a fare il miracolo perché già un miracolo l’abbiamo fatto a perdere quattro a zero in casa, magari ce ne può riuscire un altro.” Nonostante le numerose voci che parlavano dell’esonero del mister i ragazzi sono carichi. “Carica a testa bassa era un po’ una metafora, perché sinceramente ci siamo abbastanza vergognati della prestazione dell’andata. – continua il numero 2 blucerchiato –  Abbiamo lavorato tanto, sia l’anno scorso che nell’ultimo mese e quindi lo dobbiamo a noi stessi, lo dobbiamo alla Società, lo dobbiamo ai tifosi.” Ricaricare le energie soprattutto mentali per affrontare al meglio la sfida che domani nella città di Vujadin Boskov, la Sampdoria affronterà contro la Vojvodina. “Abbiamo preso una batosta grande che non ci aspettavamo ovviamente, perché avevamo lavorato bene. Ci siamo parlati, abbiamo visto video, abbiamo cercato di capire i motivi della disfatta e forse completamente non ci siamo ancora riusciti e quindi la cosa migliore è quella di tornare in campo per dimostrare che invece siamo qua, siamo con l’allenatore, siamo carichi e quindi andiamo a riprenderci quello che abbiamo perso.” Conclude Emiliano Viviano.

  •   
  •  
  •  
  •