Allegri striglia Pogba: “Paul non è in un momento felice”

Pubblicato il autore: Simone Braconcini Segui

dfb807df5fab47a3a6b7068fa7466ae6-kr9D-U104022474190849AB-700x394@LaStampa_itMassimiliano Allegri è deluso. Solo un rigore salva la sua Juve contro il Chievo (1-1) dalla terza sconfitta in altrettante gare. L’allenatore toscano deve rimandare i sogni di gloria e, anzi, comincia ad emanare le prime sentenze. Una di queste riguarda Paul Pogba, il giocatore più forte della sua Juve. Ha fatto scalpore il mancato impiego di Pogba dall’inizio. Allegri, a tal proposito, esprime concetti molto chiari: “Perchè Pogba non dall’inizio? Perché veniva da due gare con la nazionale francese e ho preferito così. Paul non è in un momento felice. L’ho inserito nella ripresa per necessità e ha disputato un buon secondo tempo. Può disputare una grande stagione, ma deve tornare a giocare come sa”. Già, deve tornare a giocare come sa e non vive un momento felice: Allegri striglia il suo campione e quasi lo esorta a dare di più, a tornare ad essere il giocatore straordinario della scorsa stagione.

La Juve non può più aspettare: un solo punto in tre gare e l’esordio in Champions che si avvicina. Allegri predica calma ma è preoccupato. La Juve ha bisogno del miglior Pogba. Gli stimoli, con queste dichiarazioni, li ha offerti proprio Allegri. Ora la palla passa al francese. C’è chi dice che sia distratto dalle mille voci di mercato che non accennano a placarsi e che lui non fa nulla per smentire. Anzi, le dolci parole verso il Barcellona hanno fatto infuriare una piccola parte di tifosi bianconeri. Ma anche ieri allo Stadium la stragrande maggioranza del tifo era al fianco di Pogba. Che deve ritrovarsi alla svelta. Per lui. Per la Juve. Per la gloria.

  •   
  •  
  •  
  •