Calcio europeo, la rivincita delle “piccole”

Pubblicato il autore: Federico Montalto Segui

alberto-paloschi-chievo-celebrating_9qnzvtvqhkyf1kf15i69r0nvqCALCIO EUROPEO PICCOLE CHIEVO SASSUOLO – Negli ultimi anni il mondo del calcio si è radicalmente trasformato: con l’avvento degli sceicchi e degli sponsor miliardari, le disponibilità economiche delle società hanno fatto la differenza. Chi ha la possibilità di effettuare investimenti importanti riesce a raggiungere risultati di livello, anche senza un progetto da portare avanti con gli anni. L’altra faccia della medaglia, però, rivela l’importanza della programmazione, strada che hanno intrapreso diverse società che, in questo avvio di stagione dei principali campionati europei, stanno raccogliendo i frutti del proprio lavoro. Succede così che nei piani alti delle classifica si trovino anche squadre poco blasonate, le cosiddette piccole. Squadre che non hanno una grossa disponibilità economica, ma che hanno deciso di puntare su giovani promettenti e calciatori esperti ma con grande voglia di giocare ad alti livelli e di dimostrare il proprio valore.

Le prime cinque giornate del campionato di Serie A, se da un lato hanno mostrato tutte le difficoltà delle squadre più importanti, su tutte la Juventus, che sta vivendo una fase di rinnovamento, hanno anche messo in evidenza il lavoro svolto da Chievo Verona e Sassuolo. Entrambe le formazioni si trovano a navigare in alta classifica. I gialloblu, guidati da un sapiente Maran, sembrano aver trovato la formula perfetta in questa prima parte del campionato e lo hanno dimostrato offrendo prestazioni di assoluto livello, come la vittoria sfavillante per 4-0 sulla Lazio e il pareggio in casa della Juventus. Dall’altra parte il Sassuolo, capace di battere il Napoli alla prima giornata di campionato e di fermare la Roma in trasferta. Due filosofie di gioco simili che, al momento, permettono alle due squadre di occupare il quinto e il terzo posto in classifica.

Leggi anche:  Morte Maradona, tampone negativo per Diego Jr: parte per l'Argentina

Situazione analoga anche in Spagna, dove al dominio di Real Madrid e Barcellona si contrappone la voglia di riscatto di squadre che, sino a poco tempo fa, si barcamenavano a metà classifica. Quando tutti si aspettavano una lotta tra le due big spagnola, ecco che in testa alla classifica spunta la sorpresa Villarreal, che ha battuto ieri per 1-0 l’Atletico Madrid di Simeone e ha messo in fila una serie di risultati importanti come il successo contro l’Athletic Bilbao, formazione sempre ostica da superare. Scorrendo la classifica, al quarto posto, si piazza il Celta Vigo, reduce dall’incredibile vittoria del ‘Balaidos’ per 4-1 sul Barcellona, una partita che ha dato una grande spinta alle ambizioni dei galiziani, senza considerare che pochi giorni prima erano riusciti ad uscire vittoriosi anche dalla gara con il Siviglia al ‘Sanchez Pizjuan’.

Leggi anche:  LaLiga, dove vedere Valencia-Atletico Madrid: streaming e diretta tv

In Germania la differenza con le big sembra più accentuata ma, analizzando la situazione con attenzione, si può notare che in effetti soltanto il Bayern Monaco, come sempre negli ultimi anni, sembra giocare un campionato a parte, mentre tutte le altre lottano per il secondo posto e per la qualificazione alle coppe europee. Questa stagione sta vedendo la scalata della rivelazione Ingolstadt, per la prima volta promossa in Bundesliga e subito protagonista: la squadra si è subito presentata con una vittoria all’esordio contro il Mainz, poi il pareggio contro il Wolfsburg e la vittoria contro il Werder Brema hanno consentito alla neopromossa di agganciare le zone alte della classifica e, addirittura, di sognare un’impresa come quella riuscita lo scorso anno all’Augsburg, che aveva ottenuto la qualificazione all’Europa League.

Leggi anche:  Napoli verso i sedicesimi

In Inghilterra, invece, è il West Ham a dare spettacolo. Gli Hammers, guidati da Slaven Bilic, stanno sorprendendo tutti in questo avvio di stagione e, complici anche le difficoltà di alcune squadre più blasonate, soprattutto del Chelsea, si ritrovano ad occupare la terza posizione in classifica alle spalle delle due squadre di Manchester. Un andamento strano quello del West Ham in queste prime giornate: agli scivoloni contro Bournemouth e Leicester, gli Hammers contrappongono clamorose vittorie contro Arsenal, Liverpool e Manchester City, dando l’impressione di poter lottare concretamente, al netto di cali di tensione contro alcune squadre, per obiettivi importanti.

I campionati sono appena iniziati, dunque è ovviamente prematuro esprimere giudizi e parlare di ambizioni di alta classifica per queste squadre che, fin ora, hanno stupito tutti ma, se il buon giorno si vede dal mattino, ci sono tutte le carte in regola per assistere ad un vero e proprio miracolo sportivo.

  •   
  •  
  •  
  •