Corvino e la maglia di Vidal con dedica…speciale

Pubblicato il autore: Roberto Minichiello Segui

CORVINO

C’è uno strano retroscena che coinvolge l’attuale direttore sportivo del Bologna, Pantaleo Corvino ai tempi della Fiorentina, infatti uno degli acquisti mancati di Corvino riguarda un calciatore che poi alla Juve ha dimostrato di essere un fuoriclasse. Si tratta di Arturo Vidal, ora al Bayern Monaco, ma vicino al passaggio alla Fiorentina. In un’intervista a Corvino apparsa sulla Gazzetta dello Sport, il direttore sportivo ha rilevato questo retroscena avvenuto nel 2009, prima che il cileno passasse poi alla Juventus. “Arturo Vidal venne fino a casa mia ma alla fine l’affare saltò. Quando è andato al Bayern ha rincarato la dose. Da Pulgar, con cui condivide il manager, mi ha fatto avere una maglia della nuova squadra con dedica speciale: A un coglione che si è fatto convincere a non prendermi.” Ma i dispiaceri avvenuti ai tempi della Fiorentina, squadra che il suo Bologna affronterà stasera nel turno infrasettimanale, non sono finiti. Sempre nell’intervista viene ricordata un’altra vicenda che riguardava la cessione di Mutu alla Roma. “Vendere Mutu alla Roma per 19 milioni e 750 mila euro. C’erano già le mail scambiate. Era estate, eravamo nel Mugello, quando la partenza di Adrian venne bloccata me ne andai dal ritiro e tornai a casa mia, a Vernole. Mi chiamò Diego Della Valle per calmarmi e confortarmi, aveva comunque apprezzato il mio lavoro.” Alla fine in quella stagione vennero ceduti Pazzini e Osvaldo.

Leggi anche:  Probabili formazioni Milan Fiorentina: rossoneri che faranno ancora a meno di Ibra

Di risultati positivi Corvino ne ha raggiunti come un terzo posto in Serie A, ma anche recentemente con la promozione del Bologna. “Ci siamo presi la Serie A a metà giugno, dunque siamo partiti in ritardo sugli altri. Abbiamo concluso una quarantina di operazioni, ventuno cessioni, diciassette acquisti. Da metà mese ad agosto sono più o meno settanta giorni, diviso quaranta fa un affare chiuso ogni giorno e mezzo. Spero di aver sbagliato il meno possibile. Il lavoro di Rossi farà il resto, va lasciato in pace perché sarà un valore aggiunto.” E conclude con la sua personale classifica della Serie A, “La Juve resta avanti alla Roma. Poi Napoli, Lazio, Fiorentina e le milanesi, che hanno il dovere di provarci. Per la salvezza mi auguro solo ce la faccia il Bologna, ce la vediamo contro squadre strutturate da più anni. Città e proprietà meritano questo e di più. Spero di meritarmi a pieno la loro fiducia per quanto sarà fatto.”

  •   
  •  
  •  
  •