Europei 2016, Rooney batte il record di Charlton

Pubblicato il autore: Roberto Minichiello Segui

rooney

La partita di ieri tra Inghilterra e Svizzera non contava per la qualificazione, in quanto gli inglesi di Hodgson sono già qualificati ma per un particolare record da superare per Wayne Rooney. Un gol gli avrebbe permesso di superare un record in nazionale detenuto da un uomo che ha fatto la storia della nazionale inglese, quello di sir Bobby Charlton, l’attaccante che ha portato la vittoria mondiale nel 1966. Al minuto 83, l’arbitro Rocchi fischia un rigore per un fallo su Sterling. Si incarica di battere il rigore il capitano Rooney. Si sente la pressione per una marcatura importante va dal dischetto e realizza con la solita freddezza. In questo momento il record di reti in nazionale è stato battuto, sir Bobby Charlton è alle spalle e Rooney arriva a quota 50 reti. Un importante traguardo per l’attaccante del Manchester United. “Questa cosa, per me, vale il mondo intero.” Sono state le prime parole dell’attaccante inglese, dove a fine partita ha ricevuto la maglia dell’Inghilterra con il numero 50 donatagli dall’allenatore Roy Hodgson e ha tenuto anche un discorso ai suoi compagni di squadra.

“Sono estremamente orgoglioso di essere riuscito a tagliare questo traguardo. Sicuramente è uno dei risultati migliori della mia carriera, essere il miglior marcatore della mia nazionale a non ancora 30 anni è qualcosa di eccezionale.” Delle sue 50 reti in 106 partite disputate ne ha parlato anche il vecchio detentore del titolo, sir Bobby Charlton. “Ovviamente non posso negare che sono un po’ deluso dal fatto che non detengo più questo record, ma sono assolutamente felice del fatto che è stato Wayne Rooney a batterlo. È il capitano della mia amata nazione e del mio club, il Manchester United: sono contento. Sono convinto che questo record durerà tantissimo.” Infine l’attaccante dei Reds ha ringraziato anche tutti i suoi compagni. “Grazie a tutti, al mister, agli allenatori, ai giocatori e allo staff con cui lavoro da così tanto tempo. Questo è un momento grandissimo per me, per la mia famiglia e per la mia carriera. Spero che le cose andranno avanti ancora meglio.”

  •   
  •  
  •  
  •