Inter, Ferrero irride: “Tanta acqua e poco pesce”

Pubblicato il autore: Andrea Russo Segui

ferrero samp

Massimo Ferrero irride: “tanta acqua e poco pesce”. Non è una novità, il presidente della Sampdoria non è nuovo a certe dichiarazioni. Lo ha dichiarato mentre tornava a parlare di nuovo della trattativa che coinvolgeva un suo giocatore, Eder, e l’Inter. Ricordiamo che quando si parlava di una trattativa Eder-Inter, negli ultimi giorni di mercato, Ferrero dichiarò che la Sampdoria non era “un discount”. Ora ritorna sul mancato passaggio del giocatore italo-brasiliano in forza alla Sampdoria. Il pittoresco presidente doriano, infatti, a proposito di Eder, avrebbe affermato, in un’intervista per Corsport, che “lui ha un contratto rinnovato per cinque anni a marzo dell’anno scorso. L’Inter lo voleva ma per noi non era in vendita”. In aggiunta a questo, Ferrero avrebbe irriso l’Inter, dichiarando burlescamente che la società nerazzurra è “tanta acqua e poco pesce”.

Ora, valutiamo bene queste parole, Ferrero irride: “tanta acqua e poco pesce”. Che un presidente non voglia cedere un proprio giocatore è più che legittimo, ma certe dichiarazioni non si addicono di certo a un presidente di una squadra di calcio. Come prenderanno i tifosi dell’Inter queste parole? La dirigenza nerazzurra senza dubbio non risponderà nemmeno a questa piccola provocazione scherzosa del presidente doriano, dal momento che è ormai abituata a frasi ben peggiori, si ricordi, solo per fare un esempio, quel “filippino” rivolto solo l’anno scorso dal vulcanico Ferrero all’allora neo presidente dell’Inter, Erick Thohir. Ricomincia il campionato, e Ferrero irride l’Inter, come ha fatto lo scorso anno, ma, diciamocelo, Thohir e tutta la dirigenza si è sempre dimostrata superiore. Se non si è fatta nessuna polemica allora, all’epoca del “filippino”, non se ne farà adesso e tutto verrà perdonato o dimenticato. L’Inter ha altro a cui pensare. La palla, ora, passa ai tifosi, che, questo è certo, risponderanno a loro modo a questa provocazione.

  •   
  •  
  •  
  •